Una palestra intitolata a Fabiana Luzzi

CORIGLIANO CALABRO E’ stata intitolata a Fabiana Luzzi, la sedicenne uccisa dal suo fidanzato il 26 maggio 2013, la nuova palestra dell’Istituto tecnico-commerciale “Luigi Palma” di Corigliano. Alla cerimonia erano presenti…

CORIGLIANO CALABRO E’ stata intitolata a Fabiana Luzzi, la sedicenne uccisa dal suo fidanzato il 26 maggio 2013, la nuova palestra dell’Istituto tecnico-commerciale “Luigi Palma” di Corigliano. Alla cerimonia erano presenti i genitori Mario e Rosa Luzzi, il prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao, l’arcivescovo di Rossano-Cariati, monsignor Giuseppe Satriano, e rappresentanti istituzionali. “Agli studenti – ha detto Mario Luzzi – chiedo di ricordare sempre Fabiana”. La manifestazione, che è iniziata con l’inno nazionale seguito dal taglio del nastro per l’inaugurazione di una palestra, a Corigliano, e la benedizione di monsignor Satriano, è stata divisa in varie fasi e tra queste non sono mancati saggi di danza, disciplina praticata e tanto amata da Fabiana. Tanta la commozione da parte dei presenti e in particolare dei genitori nel momento in cui è stata scoperta la targa, posta all’ingresso della palestra, intitolata alla sedicenne in cui è citato uno stralcio di una sua poesia. “Intitolare a Fabiana – ha detto monsignor Satriano – questa palestra è un segno di civiltà o meglio di speranza perché guardare a questo evento vuol dire non limitarci solo all’indignazione ma avere il dovere di rispondere a una vita che è venuta a mancare. Una palestra ma soprattutto una palestra scolastica è un elemento di riscatto per i giovani in particolare”. Con le lacrime agli occhi il papà di Fabiana, Mario ha ringraziato quanti hanno voluto intitolare la palestra a sua figlia “perché ciò significa tenere in vita il ricordo di Fabiana”. Il prefetto Tomao si è detto vicino alla famiglia che ha avuto modo di conoscere in occasione del delitto della ragazza.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto