Matrimonio in elicottero a Nicotera, sei indagati – NOMI E ACCUSE

VIBO VALENTIA Sono sei le persone indagate a vario titolo per abuso d’ufficio e interruzione di servizio di pubblica necessità nell’inchiesta sull’elicottero atterrato, giovedì 15 settembre scorso, nel centro cittadino…

VIBO VALENTIA Sono sei le persone indagate a vario titolo per abuso d’ufficio e interruzione di servizio di pubblica necessità nell’inchiesta sull’elicottero atterrato, giovedì 15 settembre scorso, nel centro cittadino di Nicotera con a bordo Antonio Gallone e la consorte Aurora. E’ quanto emerge dal decreto di perquisizione e sequestro della Procura della Repubblica di Vibo Valentia. La prima contestazione è stata avanzata nei confronti del sindaco di Nicotera Franco Pagano, del capo dell’Ufficio tecnico Carmelo Ciampa, del capo della Polizia Municipale, Gregorio Milidoni, e dello sposo, in quanto beneficiario. Coinvolti anche Salvatore Delfino, 37 anni, titolare di un’attività di noleggio auto, e Enrico Abagnale, di 54 anni, l’elicotterista al funerale di Vittorio Casamonica. In sostanza il pm Michele Sirgiovanni contesta ai tre pubblici ufficiali una condotta finalizzata alla violazione del codice della navigazione. 
In particolare il sindaco Pagano “astenendosi in presenza di un interesse in qualità di invitato al matrimonio”, avrebbe autorizzato, il 13 settembre, un’elisuperficie occasionale nel campo sportivo di proprietà del Comune di Nicotera per l’atterraggio del velivolo. Allo stesso Gallone, assieme a Salvatore Delfino e a Enrico Abagnale, la Procura contesta l’interruzione di servizio pubblico avendo transennato la zona della piazza ed essendosi prodigati a non far “camminare cittadini e astanti” allo scopo di far atterrare l’elicottero della società “Robortech” a bordo del quale erano sia Delfino che Gallone mentre Abagnale, a terra, coordinava e sovrintendeva all’atterraggio.
Contestualmente i carabinieri hanno acquisito documentazione utile all’indagine a seguito della perquisizione personale e domiciliare a carico del sindaco Pagano, dei dirigenti Ciampa e Milidoni, nonché di Gallone e Delfino.

I LEGALI A RAI UNO: NESSUNA PARENTELA CON I MANCUSO Proprio mentre le agenzie battevano la notizia dell’indagine, del caso si occupava anche Rai Uno nella trasmissione. “Antonino Gallone non è parente dei Mancuso”. Così il legale Guido Contestabile, avvocato della famiglia Gallone,  in studio. Inoltre, dice, “non mi risultano precedenti penali per mafia contestati a qualcuno della famiglia”, ha aggiunto il legale.

IL SINDACO: AUTORIZZAZIONE PER IL CAMPO SPORTIVO Anche il sindaco di Nicotera è intervenuto nel corso della trasmissione di Massimo Giletti. “L’autorizzazione per l’atterraggio dell’elicottero era stata concessa per il campo sportivo e non per il centro cittadino. Non ci sono state autorizzazioni per transennare e deviare il traffico in piazza”, ha detto. L’autorizzazione è stata concessa dall’ufficio tecnico del comune.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto