La denuncia del Wwf: sversamenti in un affluente dell’Angitola

VIBO VALENTIA I rappresentanti vibonesi del Wwf denunciano la «grave situazione in cui versa il torrente Reschia, uno dei due principali immissari del lago Angitola». A giudizio dell’associazione ambientalista, «l’acqua…

VIBO VALENTIA I rappresentanti vibonesi del Wwf denunciano la «grave situazione in cui versa il torrente Reschia, uno dei due principali immissari del lago Angitola». A giudizio dell’associazione ambientalista, «l’acqua del torrente, di solito limpida e cristallina, si presenta scura e a tratti addirittura nera, segno evidente che a monte vengono immessi nel corso d’acqua sostanze di cui, al momento, si ignora la natura. Pare sia da escludere che si tratti di scarichi fognari. E’ alto comunque – spiegano gli attivisti del Wwf – il rischio possano essere sostanze nocive per l’ambiente. Sostanze che alterano la composizione naturale dell’acqua con conseguente nocumento per la fauna e la flora del torrente».
Il Wwf, di conseguenza, chiede alle istituzioni preposte, a partire dal Parco regionale delle Serre, «di provvedere, tramite l’Ispra, istituto con il quale è in atto una convenzione per il monitoraggio delle acque, ad un’analisi dell’acqua e ad accertare la provenienza delle sostanze in essa presenti. Ciò al fine di tutelare un ecosistema fluviale di notevole importanza che, oltretutto, alimenta il lago Angitola, oasi del Wwf e zona umida di importanza internazionale ai sensi della Convenzione di Ramsar».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto