Al via MoMe a Simeri Crichi e Soveria Simeri

SIMERI CRICHI Il MoMe, il festival “Momenti di Memoria” entra nel vivo. Ad annunciarlo, una nota dell’organizzazione dell’evento che coinvolgerà i comuni di Simeri Crichi e Soveria Simeri dal 12…

Al via MoMe a Simeri Crichi e Soveria Simeri

SIMERI CRICHI Il MoMe, il festival “Momenti di Memoria” entra nel vivo. Ad annunciarlo, una nota dell’organizzazione dell’evento che coinvolgerà i comuni di Simeri Crichi e Soveria Simeri dal 12 al 22 marzo.
Si parte con il cantiere di scrittura creativa “Dall’oralità alla scrittura”, a cura di Saverio Tavano, dalle ore 15 alle 19 al Policentro di Simeri Crichi.
«Riappropriarsi delle radici e della Memoria storica e culturale – si legge nella nota – per affrancarsi dal provincialismo e dalla chiusura culturale in cui ancora versano alcuni territori che invero hanno numerosi elementi identificativi e unici che vanno potenziati e riconosciuti, ecco lo scopo del “MoMe Festival – Momenti di Memoria”, progetto presentato a valere sull’avviso pubblico per la selezione e il finanziamento di interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali e ambientali per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale offerta culturale presente in Calabria (Annualità 2017 – Tipologia D), realizzato con il Patrocinio di Unione Europea, Regione Calabria, Comune di Simeri Crichi e Soveria Simeri. Tanti gli appuntamenti di letteratura, musica, teatro, cinema, visual art, street art, cantieri artistici di formazione, trekking urbano e naturalistico con l’intento di valorizzare e comunicare l’identità storico culturale di quest’area».
«Nella nostra memoria – è scritto nel comunicato degli organizzatori – ancora forse possiamo intravedere quella modalità di trasmissione del sapere definita antropologicamente oralità, un sapere che si può trasmettere solo direttamente, vis á vis, un insieme di parole, gesti, soprattutto silenzi. È il racconto di un nonno, la fiaba di una zia, o forse solo la memoria di un fatto accaduto tanto tempo fa, un evento che magari ha cambiato la vita a qualcuno, magari ad un paese intero. In questo cantiere che lega gli anziani ai giovani, si vuole indagare la memoria. Anziani e giovani si raccontano, a questi ultimi è dato poi il compito di elaborare creativamente ciò che è stato ascoltato, una elaborazione come di un attore-autore che utilizza il suo personale potenziale emotivo come nucleo portante, che funge da vettore nel processo di scrittura. Una scrittura che non ha lo scopo psicologico di svelare cio che è legato al vissuto personale, ma che parta da un’intima urgenza e induca gradualmente nella compilazione delle parole, direzionate dall’obbiettivo di raccontare una specifica situazione “teatrale”. A conclusione del cantiere i racconti della memoria saranno divulgati in un MoMe Paper e restituiti alla collettività. Il cantiere é aperto a tutte le persone dai 15 anni in su».

GLI APPUNTAMENTI Il prossimo appuntamento è domenica 18 marzo alle ore 10.30 a Soveria Simari con “Trekking sensoriale naturalistico/gastronomico” a cura di Route 106 (info e iscrizioni: info@route106.it).
Mentre alle ore 17.00 l’appuntamento è a Soveria Simeri nella Villa Comunale Cecilia Faragò, dibattito aperto “Storie di donne coraggiose” con Emanuela Costanzo, Anna Macrì, Francesco Santopopolo, Elisabetta Grande, Eugenio Attanasio e don Giuseppe Biamonte.
Inoltre alle ore 18.30 a Soveria Simeri sempre nella stessa location è previsto un aperitivo con prodotti a chilometro zero.
Ed infine con inizio alle ore 19.30 è programmato lo spettacolo “Lamagara” di e con Emanuela Bianchi.
Per tutte le info è possibile visitare il sito www.momefestival.it e i social @mome @momefestival.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto