Una “spadellata di note”, in cucina con il maestro Arlia

Il 21 luglio l’agriturismo Calabrialcubo di Nocera Terinese ospiterà l’esecuzione del musicista, che preparerà un piatto della tradizione “rossiniana”

NOCERA TERINESE Musica e gastronomia hanno da sempre costituito un forte ed invincibile binomio, lo testimoniano centinaia di aneddoti e storie che rivelano quanto e come le note spesso si accompagnino ai sapori.
Come dimenticare, ad esempio, Gioacchino Rossini ed il fatto che nella sua vita di straordinario compositore pianse solo tre volte «quando fu fischiato alla sua prima opera, quando sentì suonare Paganini e quando gli cadde un tacchino al tartufo nel fiume».
Ed è proprio sulla scorta di questo legame tra cibo e musica, note e sapori, che lunedi 21 luglio all’Agriturismo Calabrialcubo di Nocera Terinese, il maestro Filippo Arlia, reduce dalla prima stagione sinfonica appena conclusa con successo al Teatro Politeama di Catanzaro e direttore del Conservatorio “P. I. Tchaikovsky”, si cimenterà in una esecuzione sui generis e speciale preparando un piatto a sorpresa rigorosamente tratto dalla tradizione gastronomica “rossiniana”.
Ad accompagnare la serata, gli allievi prediletti del Maestro Arlia, Francesco Allegra e Giovanni De Vito: il primo, diplomato con la Menzione d’Onore, insegna già al Conservatorio Statale “Corelli” di Messina; il secondo segue anche i corsi di perfezionamento di Cacciapaglia all’ “Educational Music Academy” di Milano.
Il programma musicale scelto per l’occasione, sarà dedicato alle Ouverture d’opera del genio pesarese.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto