Presentato il progetto “Locride Capitale della Cultura 2025”

Candidatura annunciata a Portigliola nel corso di un’iniziativa organizzata dal Gal Terre Locridee, il presidente Macrì: «Pensare in grande potrebbe rivelarsi il modo più efficace per cambiare le sorti del comprensorio»

PORTIGLIOLA Nel corso di un’iniziativa svoltasi a Portigliola è stata presentata la candidatura della Locride a “Capitale Italiana della Cultura 2025”. “Alto – è detto in un comunicato – è stato l’entusiasmo dei rappresentanti dei comuni, delle istituzioni e dei cittadini che hanno preso parte all’iniziativa, convinti che questa può essere la grande occasione per raggiungere più che un ambizioso obiettivo, un sogno, far conoscere al mondo la vera essenza della Locride”. “Entusiaste – si aggiunge nella nota – le relazioni dei rappresentanti delle istituzioni: il sindaco di Portigliola, Rocco Luglio, il sindaco di Locri, Giovanni Calabrese che non ha nascosto l’emozione per un progetto che vede 42 ambiti comunali concorrere tutti assieme e Peppe Campisi in qualità di presidente dei comuni della Locride che ha rimarcato gli aspetti valoriali dell’iniziativa.
A questi è seguito l’intervento di Guido Mignolli (direttore del GAL Terre Locridee) che ha costruito il ragionamento su un semplice assunto: «Perché no? Molti ci dicono che è un progetto velleitario, noi rispondiamo perché no, perché non sognare che un ragazzo dopo questa esperienza possa pensare di restare nella Locride costruire il suo futuro sulla cultura e non partire». A seguire è intervenuto Antonio Blandi (Officine delle Idee) che ha esposto sinteticamente l’approccio metodologico dei 4 anni di lavoro di candidatura che daranno vita al progetto “Locride 2025 fabbrica culturale”. Progetto che incentiverà la partecipazione dal basso delle comunità locali attraverso la cultura con la nascita di nuova economia e occupazione.
Sono poi intervenuti i consiglieri regionali: Tilde Minasi, Pietro Molinaro, Raffaele Sainato, Giacomo Crinò; il presidente del GAL Kroton Natale Carvello; il sindaco di Riace Antonio Trifoli ed il presidente della Jonica Holidays, Maurizio Baggetta. Ha chiuso la serata il presidente del GAL Francesco Macrì, secondo il quale «pensare in grande potrebbe rivelarsi il modo più efficace per cambiare le sorti del comprensorio locrideo e dimostrare al resto del Paese che anche le “piccole squadre” di provincia sono in grado di realizzare imprese straordinarie».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto