Al via il festival della letteratura di Tropea

VIBO VALENTIA «La Calabria ha fatto della lettura una priorità politica in quanto premessa indispensabile dello sviluppo culturale e quindi sociale ed economico». Con queste parole l’assessore regionale alla Cultura,…

VIBO VALENTIA «La Calabria ha fatto della lettura una priorità politica in quanto premessa indispensabile dello sviluppo culturale e quindi sociale ed economico». Con queste parole l’assessore regionale alla Cultura, Mario Caligiuri, ha inaugurato questa mattina a Vibo Valentia a Palazzo Gagliardi la terza edizione del Festival “Tropea leggere e scrivere”, uno dei grandi eventi individuati e sostenuti dalla Regione Calabria. Ospite d’onore alla cerimonia inaugurale è Romano Montroni, presidente del Centro del libro, l’ente del ministero dei Beni culturali che sta organizzando “Libriamoci”, il grande evento collettivo nazionale della lettura ad alta voce nelle scuole che si svolgerà dal 29 al 31 ottobre in tutto il Paese e dove la Calabria è regione “pilota”.

Montroni ha proposto di utilizzare il Palazzo Gagliardi, dove si è svolta la presentazione, come un centro culturale animato tutto l’anno e con una grande libreria e poi ha evidenziato il rischio dell’ignoranza che non si legge, ribadendo che occorre leggere perché «in una pagina puoi scoprire il mondo». Caligiuri ha evidenziato le politiche regionali che hanno determinato in questi anni in Calabria l’aumento del numero dei lettori, compresi quelli digitali. Con oltre 100 appuntamenti con centinaia di ospiti che si alterneranno da oggi fino al 26 ottobre nelle città di Vibo, Tropea, Soriano e Serra San Bruno, il festival “Tropea leggere e scrivere” rappresenta un evento culturale nazionale che ha la chiara intenzione di aumentare il numero dei lettori. Infatti, un grande spazio è dedicato alla lettura per i bambini e alle scuole, con duemila studenti che seguiranno gli eventi del Festival. Alla fine della manifestazione sono stati premiati i lettori “forti” del Sistema bibliotecario vibonese che sono un immigrato e una donna: Robert Fazakas e Caterina Callipo.
La giornata di oggi si chiuderà alle 21 con “Terremoto”, spettacolo teatrale scritto dallo stesso Gangemi e interpretato da Maurizio Marchetti e Maria Serrao.
In particolare «le sezioni “Calabria, fabbrica di cultura” e “Una regione per leggere” – fanno sapere gli organizzatori – rappresentano il frutto di un impegno costante per dare voce a una cultura popolare di qualità, abbinata alle tendenze più innovative e al sapere inteso come fattore aggregante e portatore di un senso comune». Confermata anche la sezione “Carta canta, legata al rapporto a doppio mandato che lega musica e parole, fra i protagonisti annunciati di questa edizione spiccano i nomi di Eugenio Finardi e Tullio De Piscopo, stimolati da giornalisti e addetti ai lavori.
Novità del 2014 è invece l’appendice “Nutri-menti”, che mira a fornire inedite chiavi di lettura fra la scienza dell’alimentazione, antropologia e filosofia per comprendere al meglio la società in cui viviamo. La manifestazione offrirà anche l’opportunità di conoscere «la millenaria arte – fanno sapere ancora gli organizzatori – di un territorio aspro e controverso, per quanto ricco di personalità illustri anche in ambito culturale».
In programma anche altre iniziative, soprattutto rivolte alle scolaresche, che si svolgeranno in buona parte del comprensorio. Fra queste, le visite guidate al museo Diocesano di Tropea, al museo dei Marmi di Soriano, al museo della Certosa di Serra San Bruno e al museo Archeologico di Vibo Valentia, e altri siti culturali e archeologici di interesse. 







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto