Dieci anni di Lettere Meridiane, un volume per festeggiare la rivista

REGGIO CALABRIA Compie dieci anni la rivista culturale Lettere Meridiane, edita da Città del Sole Edizioni. In occasione di questa significativa ricorrenza, è stato pubblicato un numero speciale che verrà…

REGGIO CALABRIA Compie dieci anni la rivista culturale Lettere Meridiane, edita da Città del Sole Edizioni. In occasione di questa significativa ricorrenza, è stato pubblicato un numero speciale che verrà presentato venerdì 4 novembre alle 17,30 al Palazzo della Cultura Pasquino Crupi di Reggio Calabria.
Il volume, pubblicato in collaborazione con lo Studio giornalistico Grigioverde press nato proprio in seno a questa importante esperienza, accoglie diversi contributi – si legge in una nota della redazione della rivista – di intellettuali calabresi intorno al filo conduttore “Pensare il Sud: riflessioni sulla cultura e la società meridionali”, ai quali segue una selezione di articoli che offrono una visione dei contenuti della rivista.
Società, letteratura, teatro, cinema, arte, con particolare attenzione ai temi, agli eventi e alle produzioni calabresi, sono stati al centro di una pubblicazione che ha sempre cercato di raccontare, con attenzione e passione, la Calabria e il Sud.
Ispirato al cosiddetto “pensiero meridiano”, nella formulazione data dal sociologo Franco Cassano, il periodico si è occupato a lungo della specificità culturale, antropologica, sociale del territorio calabrese e meridionale. Negli anni, ha ospitato importanti interventi di studiosi, giornalisti e scrittori, diventando anche un’interessante palestra giornalistica per tanti giovani collaboratori.
Il volume “Pensare il Sud” si apre con due prestigiose firme, i compianti Pasquino Crupi e Gianni Carteri, protagonisti del dibattito culturale calabrese, e con un’intensa lirica di Dante Maffia, ai quali seguono gli interventi di Luigi M. Lombardi Satriani, Domenico Minuto, Donatella Arcuri, Caterina Provenzano, Francesco Idotta, Mimma Sprizzi, Ulderico Nisticò, Paride Leporace e Laura Melara.
Nella raccolta antologica figurano poi numerosi articoli tra i più significativi apparsi nel periodico, disposti in ordine cronologico, per dare al lettore la cifra della varietà e della complessità delle tematiche affrontate.
L’incontro del prossimo 4 novembre oltre che tracciare le linee del lungo percorso compiuto, vuole essere un momento di confronto e di riflessione, aperto al pubblico.
La discussione, moderata dal direttore responsabile Franco Arcidiaco, insieme alla direttrice editoriale Federica Legato e alla responsabile del coordinamento editoriale Oriana Schembari, coinvolgerà gli autori dei contributi ospitati nel numero speciale e quanti hanno collaborato nel tempo alla rivista. Alcuni brani tratti dal volume saranno letti, per l’occasione, dall’artista Tiziana Calabrò.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto