Il teatro calabrese si ritrova a Lamezia

LAMEZIA TERME Tre giorni di teatro, musica e incontri. Un fine settimana in cui realtà teatrali calabresi provenienti da diverse zone della regione si uniranno per un progetto comune: “Fatti…

LAMEZIA TERME Tre giorni di teatro, musica e incontri. Un fine settimana in cui realtà teatrali calabresi provenienti da diverse zone della regione si uniranno per un progetto comune: “Fatti di parole –  Il teatro fra scrittura e narrazione”. Promossa dal Teatro Proskenion di Reggio Calabria – in partenariato con  l’associazione “Scenari Visibili” di Lamezia Terme e l’associazione “Confine Incerto” di Catanzaro -, questa tre giorni occuperà le tavole del TIP Teatro di Lamezia dal 15 al 17 dicembre. Obiettivo del progetto: consolidare le attività culturali attraverso una rassegna che possa diventare esperienza di riflessione per il pubblico del luogo e rafforzare la rete teatrale tra  i diversi artisti calabresi. «Da sempre abbiamo lavorato convinti che l’arte potesse costituire un potente mezzo di comunicazione e riflessione – dichiara Vincenzo Mercurio, direttore artistico del Teatro Proskenion -. “Fatti di parole” potenzierà ancor più la nostra consapevolezza di realizzare spettacoli e incontri come esperienza condivisa. L’attivazione di nuovi circuiti artistici è una necessità vitale per chi si occupa  di promuovere e sostenere il teatro».
In questa contaminazione, a partire da venerdì, tre spettacoli e due incontri tra il pubblico e gli artisti che si esibiranno.
Si comincia alle 19 di venerdì con la presentazione del programma. A seguire, il ritmo del tamburo scandirà l’inizio della rassegna: “Tamburo è voce” concerto – spettacolo di e con Nando Brusco (Teatro Proskenion). Un viaggio nella cultura popolare e nella memoria orale della nostra terra. Il lavoro è caratterizzato dalla narrazione di storie e leggende del Mediterraneo in forma di canti, filastrocche e cunti che rivivono attraverso la magia del tamburo.
Nel pomeriggio di sabato, l’incontro “Narrazione e comunità: se il teatro racconta”, tenuto da Emi Bianchi (Confine Incerto) e Nando Brusco. Alle 21,00, sarà la stessa Bianchi a calcare le scene con lo spettacolo “Lamagara” di cui è anche regista, oltre che interprete. Scritta a quattro mani con Emilio Suraci e tratta dall’omonimo libro di Mario Casaburi , Emi racconta la storia di  “Cecilia Faragò, l’ultima fattucchiera processata per stregoneria”.
Nella mattinata di domenica, l’incontro “La guerra di prima: costruzione di uno spettacolo” – a cura di Nino Racco e Vincenzo Mercurio (Teatro Proskenion), presenterà al pubblico la nascita dell’omonimo spettacolo che i due attori e registi porteranno in scena nel pomeriggio, decretando –  così – la fine del festival.
L’intero progetto è patrocinato dal Consiglio regionale della Calabria.
Per info e prenotazioni:
Scenari Visibili
info@scenarivisibili.it
0968.521622 – 392 0049604
Teatro Proskenion
postmaster@proskenion.eu

Miriam Guinea
redazione@corrierecal.it







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto