Cosenza, Asp e Camera di Commercio insieme per la sicurezza – VIDEO

Firmato un protocollo d’intesa per arginare gli infortuni sul lavoro. La collaborazione con lo Spisal fornirà informazioni utili agli imprenditori

COSENZA La Camera di Commercio del presidente Klaus Algeri (nella foto con il direttore generale dell’Asp, Raffaele Mauro) firma il ventiquattresimo protocollo d’intesa. L’ultimo è con l’Asp di Cosenza e si inserisce nelle tristi cronache che narrano degli episodi di morte sul lavoro. Nello specifico, quello che l’ente camerale e l’Azienda sanitaria provinciale andranno a fare sarà fornire alle imprese tutta una serie di informazioni utili per arginare gli infortuni sul lavoro attraverso non solo la formazione ma l’approfondimento di aspetti di natura tecnica che verranno correttamente forniti dai funzionari dello Spisal (organismo dell’Asp che effettua i controlli nelle aziende). E non a caso artefice dell’intesa con il massimo organismo di rappresentanza aziendale è Carmela Cortese, direttrice dello Spisal, che precisa come la funzione delle attività che saranno realizzate con la Camera di Commercio non è quella di sostituirsi ai consulenti del lavoro ma semplicemente quello di aiutare le imprese ad avere maggiore consapevolezza sul tema della sicurezza sul lavoro.

La sigla dell’accordo soddisfa anche il dg Raffaele Mauro: «Dei passi avanti negli anni in tema di sicurezza del lavoro ne sono stati fatti – dice –. Penso a quando c’era il medico di fabbrica che era del tutto non imparziale alle funzioni di controllo che invece adesso vengono esercitate dallo Spisal. Oggi le risorse sono limitate ma dobbiamo continuare, anche attraverso i protocolli, in attività di formazione e assistenza a chi si occupa direttamente della sicurezza nel mondo del lavoro». La Camera di Commercio si apre all’Asp nell’ottica di inglobare una serie di servizi utili alle imprese e agli imprenditori: «Così possiamo rendere i controlli non solo più efficaci – spiega Algeri – ma anche più celeri. Spesso agli imprenditori vengono fatte delle richieste riguardo a temi sui quali non sono preparati a sufficienza, ci sono obblighi e formalità che, attraverso questo protocollo, saranno conosciuti e affrontati grazie a percorsi di formazione precisi e accurati».

mi. pr.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto