Maltempo, Fai Cisl: «È possibile un’inversione di tendenza»

Il segretario regionale, Michele Sapia: «non è più rinviabile una valutazione delle emergenze e l’adozione di misure di prevenzione»

Riceviamo e pubblichiamo:

Sono stati e sono giorni drammatici per la nostra regione, ancora una volta siamo di fronte al triste elenco di vittime ed alla consueta conta di danni alle infrastrutture pubbliche, alle vie di collegamento, a decine e decine di aziende agricole ed agroalimentari.
La Fai Cisl crede nella possibilità di una netta inversione di tendenza ed è per questo che non si stancherà mai di ripeterlo, è necessaria e non più rinviabile una valutazione delle emergenze e l’adozione di misure di prevenzione.
Si smetta di fare dichiarazioni di circostanza e ci si concentri su come ridurre la cementificazione a valle e su come avviare una seria attività di manutenzione nelle aree montane ed interne con più uomini e mezzi.
D’altro canto il lavoro svolto in queste ore dai lavoratori dipendenti di Calabria Verde e dei consorzi di bonifica è stato importante ma evidentemente limitato per carenza di personale.
Ecco perché condividiamo l’idea del commissario di Calabria Verde, Mariggió di rafforzare l’attività e l’azione sul territorio durante l’intero anno.
La Fai Cisl Calabria, pertanto, rinnova la richiesta di un Piano d’intervento strategico regionale per limitare i fenomeni franosi e la costante ed efficace sinergia tra enti e strutture interessate al tema del dissesto idrogeologico e della tutela ambientale.
E come sottolineato recentemente dal segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota è arrivato il momento di rilanciare il ruolo, la presenza ed il lavoro dei Consorzi di bonifica e per farlo crediamo sia utile riprendere il confronto regionale sul settore della bonifica.

Michele Sapia, segretario regionale Fai Cisl Calabria







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto