Assise nazionale della Città della nocciola, c’è anche la Calabria

L’evento si terrà a Castellero d’Asti il 14 ottobre. Sarà presente Giuseppe Rotiroti del Consorzio Nocciola Calabra

La 14° Assise nazionale della Città della Nocciola si terrà il 14 ottobre a Castellero d’Asti, dove tre anni fa è partito un progetto per un innovativo accordo di filiera della nocciola. Accordo che coinvolse l’amministrazione locale di Castellero e il Cav. Repetto, titolare dell’azienda Novi Elah Dufour. Una iniziativa che ha permesso di ampliare un precedente accordo avviato in Provincia di Alessandria.
«Tutto è maturato – dichiara il sindaco di Castellero Roberto Campia -, dopo che da più parti si sentiva il bisogno di tutelare i produttori, a cui molto spesso non veniva riconosciuto il lavoro che questa coltura comporta e di conseguenza il valore economico del prodotto. L’accordo fa sì che il produttore è tutelato sotto l’aspetto economico, perché viene stabilito un prezzo al termine del raccolto ed è consapevole che l’azienda Novi ritirerà il suo prodotto; di contro l’azienda ha la certezza di ricevere e mettere sul mercato un prodotto di qualità. I risultati si possono toccare con mano perché dai primi 60 produttori firmatari dell’accordo ad oggi sono ben 200».
Di buon mattino, alle 8.30, si riuniranno i sindaci e gli amministratori dei Comuni corilicoli dalla Sicilia al Piemonte passando per la Calabria, la Campania, il Lazio, l’Umbria e la Liguria. L’assemblea dei comuni aderenti dopo aver trattato argomenti istituzionali di rito affronterà le scelte strategiche in considerazione del nuovo scenario della Nocciola Italiana.
Seguirà alle ore 10.00 il convegno pubblico “Verso un nuovo Piano corilicolo nazionale: prospettive per una governance unitaria e condivisa”.
La relazione introduttiva sarà curata dal sindaco di Castellero d’Asti, vicepresidente nazionale, e le conclusioni sulla strategia dell’Associazione spetteranno al presidente nazionale Rosario D’Acunto.
Interverranno l’assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte Giorgio Ferrero, il presidente della commissione Agricoltura del Senato Gianpaolo Vallardi, il presidente 11° commissione della Camera dei deputati Andrea Giaccone, l’europarlamentare Alberto Cirio, il dr. Alberto Manzo della direzione generale dello Sviluppo rurale Mipaaft, il presidente del Consorzio Nocciola Giffoni Igp Gerardo Alfani, il presidente del Consorzio Nocciola Piemonte Igp Lasagna Sergio, il presidente nazionale Agrocepi Corrado Martinangelo, il Presidente Rete Benessere in Guscio Giuseppe Russo, il presidente Fondazione Crasti Mario Sacco.
Porteranno i saluti il sindaco (Maurizio Rasero) e il presidente della Provincia di Asti (Marco Gabusi), i presidenti della Cooperativa Nocciola Irpina (Carlo Mazza), del Consorzio Nocciola Calabra (Giuseppe Rotiroti), dell’Associazione Terrae Abellanae (Biagio Estatico), della Comunità del Cibo delle Nocciole dei Nebrodi (Enzo Ioppolo), dell’Associazione Produttori Bevagna (Antonio Pirillo) e del Parco Aveto (Michele Focacci). Le conclusioni, moto attese sulle future mosse strategiche, sono affidate a Rosario D’acunto presidente nazionale dell’Associazione.
Parteciperanno i sindaci e gli amministratori dei comuni corilicoli nonché i produttori e i diversi soggetti della filiera corilicola.
Lo scenario attuale dei territori corilicoli e della Nocciola Italiana preoccupa seriamente il presidente nazionale Rosario D’Acunto: «Una coltura “rustica” si sta trasformando in una monocultura. La nocciola è sempre stata una risorsa per i nostri territori ma oggi siamo in una fase di rischio. Spingere le regioni italiane alla coltura intensiva ha un impatto dannoso per i territori, compromette la biodiversità, riduce le qualità sensoriali, aumenta i consumi idrici, impone una perfezione del prodotto che solo i fitofarmaci possono garantire, comporta un calo dei prezzi e altera i paesaggi».
Il prossimo evento nazionale di grande impatto comunicativo si terrà il 9 dicembre a Fico Eataly World, si tratta della 7° edizione del Nocciola Day, la giornata nazionale dedicata alla nocciola e all’orgoglio corilicolo, protagonisti i produttori dei territori italiani e i loro prodotti con mercatini, degustazioni guidate e tavole rotonde.
«Tutto ciò grazie alla neo collaborazione con Clara e Gigi Padovani, neo soci onorari del Club Amici Città della Nocciola, dichiara Irma Brizi direttore e panel leader assaggio nocciola, un sodalizio che ci porterà a grandi sorprese per i nocciogolosi italiani». Il direttore è da poco rientrata da Reus (Spagna) patria dell’avellana De Reus dop, dove l’associazione è stata protagonista del panel test con Irta Mas Bover e la Camera di commercio di Reus. Continua Irma Brizi «A Reus siamo stati impegnati in incontri, attività di formazione e diversi confronti con tecnici, pasticceri e chef. Ho raccolto la disponibilità degli amministratori locali e dei produttori a fare sinergia con la nostra Associazione per ampliare la tutela e la valorizzazione dei territori della nocciola di qualità coinvolgendo altre aree rurali europee».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto