Programma di sviluppo rurale alle battute finali

CATANZARO «Procede a ritmo serrato il negoziato con la Commissione europea sul Programma di sviluppo rurale della Calabria 2014/2020». È quanto comunica, in una nota, l’esecutivo regionale che specifica come…

CATANZARO «Procede a ritmo serrato il negoziato con la Commissione europea sul Programma di sviluppo rurale della Calabria 2014/2020». È quanto comunica, in una nota, l’esecutivo regionale che specifica come «dopo un ampio confronto con il partenariato economico e sociale, aveva inviato a Bruxelles la versione rivista del Psr lo scorso 18 maggio». La giunta regionale ricorda come «pochi giorni dopo ha preso il via un negoziato telefonico con i servizi della Commissione, volto alla revisione finale del Programma». «Sono momenti intensi per il nostro dipartimento – ha affermato nella nota il dirigente generale Carmelo Salvino – tra la chiusura della programmazione 2007/2013, prevista per dicembre, e l’avvio della nuova, siamo impegnati su tutti i fronti. Puntiamo innanzitutto a chiudere nella migliore maniera possibile il Psr 2007/2013, con l’obiettivo di non restituire all’Europa nemmeno un centesimo e di utilizzare le risorse comunitarie per ottenere risultati tangibili in termini di sviluppo dei nostri territori. Nel frattempo – conclude –auspichiamo che il Psr 2014/2020 venga approvato entro il mese di settembre, per poter partire subito con la pubblicazione dei primi bandi. Siamo fiduciosi perché la CE non ha ritenuto opportuno un nuovo incontro bilaterale». E soddisfazione per l’avanzamento del negoziato con la Commissione Europea si è detto anche il consigliere regionale Mauro D’Acri. «Siamo certi – ha sottolineato – che il nostro impegno ed il nostro lavoro saranno ben ripagati. Abbiamo cercato di redigere il miglior Psr possibile, in costante e forte sinergia con i territori ed il mondo del partenariato, con il quale abbiamo ritrovato un’importantissima sintonia, grazie anche al presidente Oliverio che ha preso parte personalmente ad una serie di incontri e tavoli tecnici. Crediamo infatti che per promuovere sviluppo siano necessari il ritorno ai territori e l’ascolto». «Il negoziato – ha affermato l’Autorità di gestione del Psr Calabria Alessandro Zanfìno – ci permette di limare al meglio il Programma, allineandolo ai regolamenti comunitari, all’Accordo di partenariato e alle indicazioni dei Servizi della Commissione, nelle sue diverse direzioni generali. Secondo Zanfìno, «per fine luglio abbiamo intenzione di inviare ufficialmente il Programma, già consolidato per la definitiva analisi da parte della Commissione europea».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto