Sanità, quegli interessi inconfessabili