Nel Pd lo scontro è sulle nomine