All’Asp di Catanzaro fatti agghiaccianti, ma chi doveva controllare?