Tavoli per le emergenze sì, ma prima i contenuti