Articolo 1 riparte dal coordinamento regionale

Il movimento nomina l’esecutivo: lo guiderà Greco. Assieme a lui Tripodi, Lo Schiavo, Morrone, Parise e Marra. «Forte impegno di Rizzo e Bova»

CATANZARO Si è riunita l’assemblea regionale calabrese di Articolo Uno – Movimento Democratico e Progressista a Lamezia alla presenza del parlamentare Nico Stumpo e del parlamentare europeo Massimo Paolucci.
«Nel corso dei lavori – si legge in una nota dell’esecutivo regionale del movimento – i dirigenti si sono soffermati sulla necessità della strutturazione e l’organizzazione del movimento che ha dato vita alla lista Liberi e Uguali alle elezioni del 4 marzo (in Calabria, nonostante il risultato modesto, Leu ha eletto il deputato Stumpo, ndr). È emersa con decisione la volontà di aprirsi ancor di più alla società, in un confronto costante con i giovani e le fasce disagiate, per la costruzione di un soggetto politico che pone centrale il tema del lavoro, dell’ambiente e la lotta alle disuguaglianze».
«Un movimento giovane – prosegue la nota –, nato da poco ma che si pone l’obiettivo di dare risposte ai territori e alla nostra gente sentendo forte la responsabilità del ruolo di governo dei nostri rappresentanti istituzionali tra cui l’assessore regionale Antonella Rizzo e il presidente della Commissione Antindrangheta Arturo Bova, nonché i sindaci e gli amministratori che hanno aderito ad Art.1 Mdp».
L’assemblea ha inoltre espresso la solidarietà al vicesindaco di Benestare Domenico Mantegna e al candidato alle elezioni di Petilia Policastro Santino Scalise «per i vili episodi di cui sono stati fatti oggetto».
La riunione ha visto infine, «l’insediamento degli organismi regionali provvisori tra cui il coordinamento regionale composto da circa 50 membri di tutta la Calabria, e un esecutivo regionale provvisorio guidato dal coordinatore regionale Pino Greco e composto dai rispettivi coordinatori provinciali: dal giovanissimo reggino Alex Tripodi, dal vibonese Antonio Lo Schiavo, dal cosentino Venzo Morrone, dal crotonese Franco Parise, dal catanzarese Raffaele Marra».
«Questi organismi – scrive l’esecutivo del movimento – serviranno ad avviare una nuova fase per fare radicare ancora di più il movimento e costruire una nuova dialettica con il governo regionale e gli enti locali. Il coordinamento regionale avrà il compito di guidare in tempi brevi il movimento verso la fase congressuale in cui dal basso, tramite processi democratici e partecipativi verranno eletti e legittimati i nuovi gruppi dirigenti, cancellando ogni forma di autoreferenzialità “attraverso un percorso democratico autentico, senza paracadute per nessuno. Una testa un voto” come ha sottolineato Roberto Speranza nella relazione approvata all’unanimità nell’Assemblea nazionale di Art.1 Mdp il 12 maggio».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto