Nuova giunta a Crotone (con un super assessore)

Pugliese completa il rimpasto: tante deleghe pesanti per Pedace. E per dissipare gli ultimi dubbi sui ruoli nell’esecutivo serve l’intervento di Enzo Sculco

CROTONE Parte la seconda giunta comunale guidata da Ugo Pugliese. L’esecutivo precedente era stato azzerato con il decreto sindacale numero 11, di lunedì, stamattina il sindaco ha presentato i nuovi assessori. In verità di nuovo, come anticipato dal Corriere della Calabria, ci sono solo tre assessori: Leo Pedace, Valentina Galdieri e Franco Pesce. Sostituiscono Antonella Cosentino, Tommaso Sinopoli e Caterina Caccavari. Gli ultimi due, come ha spiegato Pugliese nel corso della conferenza stampa di questa mattina, entreranno a far parte dello staff del sindaco. Pugliese spera di poter dare un incarico anche all’ex vicesindaco, Cosentino, che, a meno di ripensamenti ha già annunciato che rifiuterà eventuali proposte. Cosentino non ha gradito la sua esclusione e non ha partecipato, due giorni fa, alla riunione di maggioranza convocata per chiudere il cerchio sul rimpasto. A quella riunione non ha partecipato nemmeno il fratello Peppino, dirigente dei DemoKratici di vecchia data. Qualcosa si è incrinato nel rapporto tra il movimento che ha eletto Pugliese e i Cosentino. 
La ricomposizione della giunta è stata preceduta dalla nomina di Gianfranco Turino ad amministratore delegato di “Crotone sviluppo”; Turino ha preso il posto di Pedace, entrato nell’esecutivo. Lo spostamento di Turino lascia libero un posto nello staff del sindaco, posto che potrà essere utilizzato per la nomina di uno degli assessori uscenti (Sinopoli o Caccavari).

La conferenza stampa di presentazione della nuova giunta di Crotone

L’azzeramento è servito a Pugliese per effettuare un rimpasto di deleghe. Il sindaco ha tenuto per sé solo la delega all’Ambiente, mentre in precedenza aveva gestito diverse deleghe in prima persona. Vicesindaco del secondo esecutivo è stato nominato Benedetto Proto, che mantiene titolare del Bilancio e di Personale, Finanze, Avvocatura e Attuazione del programma. L’assessore Rori De Luca mantiene le deleghe all’Urbanistica e Pianificazione territoriale e prende Programmi complessi, Società partecipate, Viabilità e traffico, Pianificazione e regolamentazione impiantistica sportiva. Sull’ultima delega c’è stato un po’ di confusione e il problema è stato risolto all’ultimo minuto. C’era l’accordo che la delega sull’impiantistica sportiva sarebbe andata a Pedace, ma nell’elenco predisposto, a qualche minuto dell’incontro con la stampa, non c’era. C’è stato anche bisogno dell’intervento del reuccio di via Firenze, Enzo Sculco, per chiarire ogni cosa. Alla fine De Luca ha preso la delega per disporre i regolamenti degli impianti sportivi e Pedace quella della progettazione. A Pedace sono state assegnate anche le deleghe dei Lavori pubblici, Patrimonio, Innovazione tecnologica, Energia e risparmio energetico, Protezione civile, Demanio, Accatastamenti e Decoro urbano. Un super assessore. Alessia Romano mantiene la Delega dei Sociali e prende Emigrazione e immigrazione, Pari opportunità e Politiche del lavoro. Valentina Galdieri prende le deleghe della Cultura, Beni culturali, Teatro ed Economia del mare. La delega alla Cultura l’avrebbe voluta Franco Pesce, che si è dovuto accontentare di Pubblica istruzione, Università e ricerca, Sviluppo relazioni e gemellaggi (area Magna Graecia), Agricoltura, caccia e pesca. 
Sabrina Gentile mantiene la delega delle Attività economiche e produttive e prende quelle della Polizia municipale e Servizi demografici. Giuseppe Frisenda la delega di assessore allo Sport, spettacolo, Tempo libero, Politiche giovanili e Turismo. Galdieri e Pesce per essere nominati in giunta si sono dovuti dimettere dal Consiglio, i due incarichi sono incompatibili, il loro posto viene preso da Roberta Foresta e Anna Maria Oppido. Nei giorni scorsi il capogruppo di Forza Italia, Antonio Argentieri Piuma, attraverso un messaggio Whatsapp (gruppo consiglieri comunali) ha chiesto al sindaco un posto nelle partecipate per un rappresentante del suo partito. Proposta che non è stata presa in considerazione. Evidentemente Pugliese non è interessato ad allargare la sua maggioranza aprendo le porte a FI.

Gaetano Megna
redazione@corrierecal.it





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password