Nucleo valutazione, la Regione: «Nessun gioco di prestigio, domanda nei termini»

La replica del dirigente Zito alle accuse del sindacato Csa-Cisal

Riceviamo e pubblichiamo,

In relazione all’articolo pubblicato, il 21 ottobre 2018, intitolato “Nucleo di valutazione, domanda approvata ma era fuori tempo massimo”, appare opportuno, al fine di “dimensionare” correttamente la problematica, evidenziare che la domanda di partecipazione all’avviso interno per il conferimento dell’incarico di direzione dell’Uoa – Nucleo regionale di valutazione e Verifica investimenti pubblici – è stata inviata alla pec del dipartimento Organizzazione e Risorse Umane alle ore 20.46 del 13 settembre 2018 (come si può facilmente desumere dal registro elettronico delle pec pervenute al dipartimento) ed è stata acquisita in un secondo momento al protocollo generale.
Secondo il punto 5 dell’avviso “modalità di presentazione della candidatura” le domande dovevano pervenire alla pec del dipartimento entro il termine perentorio di quindici giorni dalla data di pubblicazione. Da calendario l’avviso pubblicato il 29 agosto 2018 aveva come scadenza naturale la mezzanotte del 13 settembre 2018 (nel computo dei termini “a giorni”, il giorno iniziale – cosiddetto dies a quo – non si calcola). Risulta quindi indiscutibile che la domanda è pervenuta nei termini non potendo il dipartimento scrivente, in alcun modo, alterare il registro delle pec in entrata.
L’apparente discrasia temporale non è figlia di “un gioco di prestigio”, ma è dovuta semplicemente al lasso temporale tra la presentazione della domanda (nei termini) e la successiva acquisizione al protocollo generale dell’ente.

Bruno Zito
Dirigente generale Dipartimento Organizzazione e Risorse Umane





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto