Guccione: «Basta annunci. Subito la riforma del welfare»

Invito del consigliere regionale all’assessore regionale al Lavoro Robbe: «Abbiamo già preso impegni con i calabresi»

COSENZA «A distanza di vent’anni dalla legge nazionale 328/2000 per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, ancora ad oggi in Calabria non vi è traccia di attuazione». Interviene così il consigliere regionale Carlo Guccione sulla riforma del Welfare in Calabria annunciata dall’assessore regionale al Lavoro Angela Robbe (qui l’articolo). «Non basta dire genericamente “la legge si farà” – afferma a questo proposito Guccione – e poi non mettere in campo gli impegni che sono stati presi anche nel corso dell’ultimo incontro, tenutosi a Cosenza lo scorso 8 aprile, e organizzato dal Partito democratico alla presenza dell’assessore al Lavoro e Welfare, Angela Robbe». «Abbiamo avuto modo di leggere – aggiunge – una bozza di regolamento sulle procedure di autorizzazione e di accreditamento delle strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale, socioassistenziali, dei servizi domiciliari, territoriali e di prossimità. Ad esempio, nella nota sulla determinazione dei costi, la tabella in riferimento al costo del personale fa evincere che è stata effettuata una media dei costi tra i diversi contratti da applicare ai lavoratori e alle lavoratrici del settore, ma è evidente e ci auguriamo sia sfuggito il fatto che quella media non tiene conto degli oneri previdenziali e di tutti gli altri oneri obbligatori per contratto». Secondo Guccione, «se si dovesse applicare questa tabella la Regione giustificherebbe praticamente il ricorso al lavoro nero».
«Non c’è traccia – sottolinea – della necessaria, e ormai ineludibile, questione dell’integrazione socio-sanitaria: a testimoniarlo il fatto che gli ambiti costituiti dal regolamento non coincidono con i distretti sanitari. Non risulta, tra l’altro, che il Dipartimento salute abbia partecipato alla stesura del regolamento ai fini di prevedere la costituzione di un sistema integrato». «Non dimentichiamo che – prosegue – la legge 23/2003 prevede tassativamente che gli ambiti territoriali coincidano con i distretti sanitari: infatti il legislatore con questa norma ha voluto sottolineare la necessità di costituire un sistema integrato dei servizi sociali e sanitari. Ora bisogna evitare la precarietà e la non tutela dell’utente nello stato di bisogno». «E la programmazione deve essere alla base della costituzione del nuovo welfare – precisa il consigliere regionale – con un altro Piano regionale visto che l’ultimo risale al triennio 2006-2009. Un Piano vecchio almeno di dieci anni. Nel frattempo, sono profondamente cambiate le condizioni economiche e sociali, così come si è registrata una tendenza elevata all’invecchiamento della popolazione calabrese, con nascite zero e con l’aumento della povertà».
Per Guccione, «non si può prescindere da tutto ciò, anche perché diventerebbe difficile programmare i Piani di zona senza uno strumento aggiornato». «Non c’è dubbio che servono maggiori risorse – afferma ancora – visto che la Regione Calabria per le politiche sociali spende solo 25 euro pro capite per cittadino, contro una media nazionale di oltre 120 euro pro capite». Guccione afferma che «la Riforma va attuata, ma va anche fatta bene». «Questo – conclude – è un impegno che ci siamo presi nel corso dell’ultimo incontro a Cosenza alla presenza dell’assessore Angela Robbe, del presidente della Terza Commissione regionale Michele Mirabello, e del capogruppo del Pd Sebi Romeo. Gli impegni vanno mantenuti e rispettati. Mi auguro che su questa tematica si possa fare un lavoro comune».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto