Corigliano Rossano, Rapani contro i 5 Stelle: «Incapaci»

Il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia attacca l’operato dei parlamentari e dei dirigenti del Movimento: «Si sono autoesclusi per evitare altre “figuracce”»

di Luca Latella
CORIGLIANO ROSSANO Ci si creda o no, lui è uno di quelli che grida al complotto. Contro gli elettori del Movimento Cinque Stelle e tutto per evitare una débâcle elettorale.
Il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, Ernesto Rapani, non va per il sottile e ripescando dal recentissimo passato la querelle scatenatasi attorno alla ricusazione della lista del Movimento Cinque Stelle alle prime elezioni della storia della terza città della Calabria, insinua che era «tutto preparato».
«È certamente deludente l’operato dei parlamentari del Movimento Cinque Stelle del territorio. Un fallimento – sostiene il portavoce regionale del partito della Meloni – ancor più cocente se consideriamo anche che i pentastellati non sono stati capaci di presentare una lista alle elezioni amministrative di Corigliano Rossano. Ma siamo poi così sicuri che non l’abbiano fatto appositamente?»
Rapani, dunque, critica non solo l’operato dei Cinquestelle su un territorio che può vantare quattro parlamentari, dei quali non «vi è traccia», ma anche quello che definisce un «espediente» per evitare di presentarsi ai nastri di partenza.
«Abbiamo letto sui social – aggiunge l’ex amministratore rossanese – il mea culpa del deputato Francesco Forciniti che si è assunto tutte le responsabilità del “misfatto”. Ebbene, sin dal primo momento non ci abbiamo creduto, nonostante si siano appellati ad ogni grado di giudizio per dimostrare di aver ragione. La verità – sostiene il rappresentante calabrese del partito della Meloni – a mio avviso è ben altra: consapevoli del grande fallimento al quale sarebbero andati incontro, e che si sta gonfiando sempre di più per via dell’incapacità politica, tant’è che non vi è traccia del M5S sul territorio, sono ricorsi a questo escamotage per tirarsi fuori dai giochi con una scusante banale. La débâcle elettorale sarebbe stata eclatante e certamente difficile da giustificare anche ai vertici superiori. Quindi, meglio non partecipare grazie ad un espediente».
Il portavoce calabrese di Fdi, in conclusione propone e provoca. «Dimostrateci il contrario – dice rivolgendosi all’elettorato pentastellato – recatevi alle urne e imbucate scheda bianca. Se la media di “bianche” sarà superiore al solito, allora quelli saranno i numeri da attribuire ai grillini, altrimenti vorrà dire che avevo ragione: tutto preparato».
Rapani, in sostanza, riporta l’umore e le sensazioni di molti – il solito chiacchiericcio – che in città avevano commentato così l’increscioso vizio di forma e che, di fatto, ha impedito al Movimento Cinque Stelle di partecipare alle amministrative coriglianorossanesi di domenica prossima, provocando un grave deficit democratico. (l.latella@corrierecal.it)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto