Nuova 106, vertice Stasi-Anas

Il sindaco di Corigliano Rossano ha incontrato al Comune i responsabili regionali della società stradale: «Opera fondamentale per la città»

CORIGLIANO ROSSANO Una quattro corsie a servizio di Corigliano Rossano e tutto il bacino di riferimento, l’opportuna segnaletica autostradale e l’assicurazione sull’avvio dei lavori del terzo megalotto della statale 106: sono stati questi i temi di un incontro fra l’amministrazione comunale e i responsabili regionali di Anas.
Il vertice promosso dal sindaco si è tenuto nel Palazzo di città di Piazza Santi Anargiri a Rossano, alla presenza, oltre a Flavio Stasi, del vicesindaco Claudio Malavolta, degli assessori Tatiana Novello, Giovanni Palermo e del presidente del Consiglio comunale, Marinella Grillo. Anas era rappresentata da Giuseppe Ferrara, coordinatore territoriale per la Calabria e per l’A2 Autostrada del Mediterraneo insieme a Biagio Marra, responsabile del procedimento per il tratto stradale che riguarda Corigliano Rossano ed il funzionario Giuseppe Scorzafave.
Nella discussione, seppur preliminare, sono state analizzate e discusse diverse ipotesi tecniche di una quattro corsie. Stasi ha poi garantito massima disponibilità nell’assicurare adeguata semplificazione alle procedure di competenza comunale nell’iter previsto, anche per garantire la massima condivisione delle scelte, ma anche tempi certi per l’opera.
Successivamente, il primo cittadino ha colto l’occasione per manifestare ai responsabili Anas l’esigenza di adeguare, presso gli svincoli autostradali della A2, le indicazioni direzionali verso Corigliano Rossano ed informato che l’amministrazione comunale chiederà all’assessore regionale alle infrastrutture, Roberto Musmanno, di poter beneficiare di totem turistici che indichino la città d’arte nelle due direzioni sud e nord dell’A2, in prossimità delle uscite.
Flavio Stasi ha invitato Anas di prevedere, nell’ambito dei lavori, forme di monitoraggio civico già sperimentate con successo in altre regioni, finalizzate a rafforzare la garanzia alla cittadinanza di trasparenza e partecipazione.
Al termine dell’incontro l’amministrazione cittadina ha chiesto, e ricevuto, lumi anche sui tempi di consegna dei lavori del terzo megalotto della statale 106. «Un’opera fondamentale – ha commentato Stasi – di cui tutto il territorio ha ormai urgente bisogno e senza la quale non è possibile immaginare alcuna ipotesi di moderno collegamento viario della città».
Sui lavori, dopo aver ottenuto rassicurazioni precise, il sindaco ha ribadito la posizione dell’Amministrazione comunale di Corigliano Rossano, invitando Anas a lavorare incessantemente per garantire l’inizio dei lavori nel più breve tempo possibile. (lu.la.)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto