È ufficiale: Fulvia Caligiuri senatrice al posto di Salvini

L’aula ha votato in serata l’annullamento dell’elezione del vicepremier in Calabria. Il ministro dell’Interno non perderà il posto, ma i numeri della maggioranza variano

ROMA Attesa finita: Fulvia Caligiuri è una ufficialmente una senatrice calabrese dopo che il Senato ha votato, nella serata di mercoledì, l’annullamento dell’elezione del vicepremier Matteo Salvini nella nostra regione. Il seggio è stato assegnato alla esponente di Forza Italia. Il ministro dell’Interno non sarà comunque estromesso da Palazzo Madama, dal momento che prenderà il posto della senatrice laziale leghista Kristalia Rachele Papaevangeliu, a sua volta subentrata, nel maggio scorso, alla eurodeputata Cinzia Bonfrisco.
L’assegnazione del seggio calabrese della Lega è stata rivista in seguito al ricorso presentato, nell’aprile 2018, da Caligiuri, che aveva denunciato «gravi irregolarità e decisioni abnormi» dell’ufficio elettorale.
La Giunta delle elezioni e delle immunità del Senato, presieduta da Maurizio Gasparri, ha così proposto l’annullamento dell’elezione di Salvini. Il caos elettorale avvenuto in Calabria rischia di avere conseguenze anche sulla tenuta del governo gialloverde. Al Senato la maggioranza può contare su numeri risicati, con un vantaggio di una piccola manciata di voti, senza tenere conto della perdita del seggio di Salvini, che verrà assegnato a Forza Italia. «È una vittoria della democrazia che premia la battaglia intrapresa dal partito – commenta la parlamentare Jole Santelli, coordinatrice regionale di Forza Italia Calabria – e la tenacia di una giovane donna che viene dal mondo dell’impresa agroalimentare e che potrà dare una grossa mano, con la sua competenza, a trattare i temi di una regione sparita dall’agenda del Governo. Fulvia Caligiuri vede oggi riconosciuto un suo diritto – conclude Santelli – e celebra con tutti noi una giornata di giubilo».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto