Vibo, nasce il comitato civico “Pro Occhiuto”

L’annuncio del coordinatore di “Rinasci Calabria” Daffinà: «Crediamo nel progetto del sindaco di Cosenza»

VIBO VALENTIA «Soddisfazione per la partecipazione registrata all’inaugurazione della sede cittadina del comitato civico “Pro Occhiuto” nato per sostenere con decisione la candidatura a Presidente della giunta regionale della Calabria del sindaco di Cosenza Mario Occhiuto». È quanto si legge in una nota del coordinatore del movimento “Rinasci Calabria” e dirigente provinciale di Forza Italia Antonino Daffinà.
Il Comitato sarà formato da 6 persone più i due consiglieri comunali e l’assessore comunale del gruppo Rinasci Vibo che vi partecipano di diritto.
«Crediamo in un progetto nuovo – ha dichiarato Daffinà – che vede Mario Occhiuto come riferimento per il cambiamento nella nostra Regione. L’entusiasmo che abbiamo percepito in questi giorni e quella che abbiamo respirato durante la serata di inaugurazione ci fanno ben sperare nel buon risultato di questa corsa a sostegno di Mario Occhiuto».
Daffinà ha anche illustrato come «Mario Occhiuto, nella sua Cosenza, ha dimostrato di «saper valorizzare e far crescere il territorio, noi crediamo che egli rappresenti la politica del fare, concreta, reale e innovativa. La politica dell’impegno avulso da qualsiasi interesse personale, quella politica che deve significare passione e lavoro al servizio delle istituzioni e dei cittadini. Questa è la nostra idea politica che racchiude il senso più profondo in Mario Occhiuto e in progetto che guarda alla collaborazione, alla ricerca delle migliori soluzioni per far crescere la comunità calabrese in un processo di cambiamento sociale, economico e culturale».
Quella delle prossime elezioni regionali è «una sfida che riguarda le sorti di tutta la Calabria, una terra ormai stanca e indignata da dinamiche e scelte politiche contrarie al buon senso ed agli interessi della collettività. Non abbiamo paura del futuro, non ci attendiamo sorprese perché la nostra sarà una scelta responsabile della quale ognuno di noi dovrà rendersi protagonista, protagonista di un grande cambiamento».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto