Zes a Corigliano Rossano, Promenzio: occasione che non va sprecata

Il capogruppo di opposizione di Civico e Popolare chiede al sindaco Stasi di assumere le deleghe del settore e di coinvolgere i primi cittadini della zona

di Luca Latella
CORIGLIANO ROSSANO L’onda lunga del consiglio comunale del 12 agosto non sembra volersi ancora placare. A tornare su uno dei due argomenti all’ordine del giorno, lo sviluppo dell’area portuale, è il capogruppo di Civico e Popolare, Gino Promenzio. In un più ampio quadro contestuale, l’ex candidato a sindaco invita ad una riflessione più ampia sulla Zes, la Zona economica speciale.
«Siamo del parere che il sindaco Stasi – spiega Gino Promenzio – necessiti del tempo per ben amministrare, ma è fondamentale capire che, paradossalmente, proprio il tempo per la Zes è già scaduto. Nulla è stato fatto per informare e coordinare gli imprenditori sulla questione credito d’imposta che la Zona speciale concede (un vantaggiosissimo 45% per le piccole imprese) eppure, l’Agenzia delle Entrate, già il prossimo 25 settembre aprirà uno sportello ad hoc».
L’ex candidato a sindaco riprende la risposta a suo dire «insoddisfacente» offerta dal vicesindaco e assessore Claudio Malavolta., durante gli ultimi lavori dell’assise civica, alla sua interrogazione consiliare sulle idee dell’amministrazione a proposito di sviluppo portuale, per ribadire anche che non è stata prospettata «nessuna ipotesi concreta di sostegno alla marineria di Corigliano-Rossano, nessuna idea di progettualità, seppure minima. In venti minuti di ovvietà, non una parola è stata spesa sulle politiche di sostegno alla Meris», il mercato ittico consortile gestito da una società partecipata completamente dal Comune di Corigliano-Rossano ed in pareggio di bilancio da tre esercizi.
La Zona economica Speciale, per Promenzio, dunque, è un’occasione troppo importante per essere «sprecata dal qualunquismo un po’ snob del vicesindaco», e per questo chiede agli imprenditori del territorio, «visti i tempi ristretti, di rivolgersi tempestivamente alle organizzazioni di categoria e al Comitato di Indirizzo della Zes Calabria per non sprecare questa imminente occasione, dichiarandoci fin d’ora al loro fianco per tutto ciò che possiamo fare».
Civico e Popolare, ancora, invita l’Anci Calabria, i sindaci del territorio, a «essere protagonisti della Zes, a richiedere tramite il Comitato di indirizzo, a Regione Calabria e Ministeri interessati, di essere inclusi, a seguito di riperimetrazione, nell’area speciale, di Gioia Tauro/Corigliano-Rossano». Al sindaco Stasi, invece, Promenzio chiede, dichiarandosi disponibile «a collaborare affinché non vada sprecata alcuna occasione di sviluppo e occupazione per i nostro territorio», di «assumere a sé immediatamente le deleghe di Porto, Zes e Pesca, di presenziare personalmente alle riunioni del Comitato portuale presso l’Autorità Portuale di Gioia Tauro, di coinvolgere, come capofila, i sindaci del nostro territorio in una conferenza di programmazione, di attivare uno sportello Zes presso il nostro Comune, collegato con lo Sportello unico per le attività produttive, per la semplificazione amministrativa e di elaborare immediatamente un piano marketing per la nostra Zes, capace di attrarre investimenti». (l.latella@corrierecal.it)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto