Gioia Tauro, Russo: «Pon in scadenza ma non è stato speso neanche un euro»

Incontro a Roma sulla programmazione dei fondi europei 2021-2027. L’allarme del vicepresidente della Regione: «Per l’Area integrata la situazione è grave»

ROMA Nelle scorse settimane si è svolto a Palazzo Chigi a Roma, un incontro con il inistro per il Sud Barbara Lezzi, in merito alla prossima programmazione dei fondi europei per il periodo 2021-2027.
Per la Regione Calabria ha partecipato il vicepresidente della giunta regionale Russo e l’architetto Dattilo della delegazione di Roma.
Dopo l’introduzione del ministro Lezzi ha preso la parola il Presidente della Regione Emilia Romagna Bonaccini, in quanto presidente della Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome, che ha presentato i temi di maggiore attualità approvati dalla Commissione Affari europei e internazionali delle Regioni. Per le Regioni sono intervenuti i rappresentanti delle Regioni Umbria, Sicilia, Sardegna e Calabria.
Il presidente Bonaccini ha presentato i temi avanzati dalle Regioni riguardo a: la posizione regionale relativamente ad un Accordo di partenariato snello, in modo da non vincolare troppo le Regioni nella elaborazione dei Programmi operativi; la posizione regionale relativa al lavoro dei 5 Tavoli tematici, che non può essere inteso come sede unica di lavoro congiunto per la elaborazione della proposta di accordo; la necessità di avere una sede congiunta Governo-Regioni sia politica che tecnica; le questioni attinenti la governance e la strumentazione della politica di coesione; le questioni finanziarie di maggiore interesse per le regioni che vanno dal cofinanziamento, al riparto delle risorse; le modalità di attuazione del Fondo Sviluppo e Coesione; la necessità di prevedere che l’Accordo di Partenariato sia frutto di un’intesa in Conferenza Stato-Regioni.
Nel suo intervento il vicepresidente Russo, soffermandosi sulle contraddizioni tra il Pon e il Por in Calabria, ha evidenziato come il Pon Infrastrutture e Reti, che riguarda l’Area Logistica Integrata di Gioia Tauro, ad oggi 2019, a un anno dalla conclusione del Pon che avverrà nel 2020, non solo non ha speso nemmeno un euro, ma nel suo ambito non è stata firmata alcuna convenzione. Russo ha sottolineato la gravità della situazione e l’eventualità di una differente distribuzione delle risorse tra Stato e Regione nella prossima programmazione, stante che la Regione con i fondi Por, Fsc e Pac ha finanziato tutti i porti regionali, mentre il Pon reti non ha finanziato nulla.
Gli ultimi interventi del direttore dell’Agenzia per la coesione Caponnetto e del direttore del dipartimento per la Coesione Ferrara hanno richiamato i temi della programmazione 21-27 nonché la riarticolazione dell’attuazione del Fondo Sviluppo e Coesione.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto