Pd-M5S alle Regionali, Franceschini apre: «Ne vale la pena»

Il neoministro ai Beni culturali rilancia l’ipotesi dell’accordo a partire dal voto in Umbria. «Per Emilia e Calabria c’è tempo»

Lo schema è sempre lo stesso, di giorno in giorno. Dai settori dem arrivano apertura, dal M5S qualche chiusura. Ma l’ipotesi di un’alleanza giallo-rossa alle prossime regionali avanza, nonostante i “no” dell’europarlamentare grillina Laura Ferrara e l’«assolutamente no» del senatore Nicola Morra. Per i vertici nazionali del Partito democratico l’accordo si può – forse si deve – fare. La lettura possibilista di oggi appartiene al ministro ai Beni culturali Dario Franceschini. «Se lavoreremo bene, potremo presentarci insieme già alle regionali. È difficile, ma dobbiamo provarci. Per battere questa destra, ne vale la pena», così dice in un’intervista a La Repubblica.
Un’alleanza «politica ed elettorale. Che parta dalle prossime elezioni regionali, passi per le comunali e arrivi alle politiche». Già dall’Umbria forse: «Lì le elezioni sono molto vicine, ma se c’è la volontà politica si può fare tutto. Per Emilia e Calabria, poi, c’è tempo. In ogni caso, la sfida è questa. So che è difficile ma se governiamo bene, evitando la logica del “contratto”, cercando sempre la sintesi allora questa squadra può diventare il seme di una futura alleanza. Per battere la destra, vale la pena provarci», aggiunge Franceschini. E sulle posizioni diverse nel Pd dice: «So che ci sono posizioni diverse da noi e nei Cinque Stelle. Io parlo di una alleanza tra tutto il centrosinistra e l’M5S».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto