Donna dorme su una panchina per lavorare, Occhiuto: «Vergognosa carenza di servizi»

La reazione del sindaco di Cosenza alla triste storia denunciata dall’Ugl: «Problema generato da mancanza di trasporti, ci hanno impedito di realizzare la Circolare veloce»

COSENZA Anche il sindaco Mario Occhiuto ha voluto esprimere solidarietà a “Grazia”, la donna che per problemi economici è costretta, da giugno scorso, a dormire su una panchina pur di non perdere il proprio lavoro da 300 euro al mese. Tra Rende, luogo di residenza della signora, e Cosenza, infatti, non ci sono collegamenti nelle prime ore della mattinata. «Non ho purtroppo competenze in merito in quanto la signora Grazia è residente a Rende e lavora per una ditta privata di pulizie -scrive Occhiuto in una nota – Ma ritengo che non si possa rimanere indifferenti di fronte a un simile disagio causato anche dalla mancanza di servizi. Qualche anno fa avevo promosso l’integrazione del servizio di trasporto pubblico locale nell’area urbana con l’istituzione della Circolare Veloce Cosenza-Rende, che avrebbe funzionato anche in orari notturni e nei giorni festivi. Com’è noto, quell’iniziativa che tanto entusiasmo aveva suscitato tra cittadini e gli studenti universitari, fu bloccata dalla Regione Calabria su spinta delle lobby che da decenni detengono il monopolio del trasporto pubblico nella nostra regione. Ritengo che i bravi amministratori debbano operare in funzione delle esigenze dei cittadini e non, al contrario, per fare gli interessi di pochi». «Oggi – conclude Occhiuto – oltre a indignarmi e a esprimere la mia solidarietà alla signora Grazia, non posso fare altro che rivolgere un appello alla ditta dove presta servizio: mi auguro che possano essere modificati i turni di lavoro risolvendo così una condizione emergenziale che davvero non si può accettare. Intanto ho incaricato anche i servizi sociali comunali e l’Amaco per verificare possibili soluzioni alternative».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto