Pd, dagli “oliveriani” non arrivano segnali di pace

I circoli che sostengono la candidatura del governatore uscente commentano negativamente l’ipotesi Rubbettino: «Zingaretti si confronti con noi»

CATANZARO La possibile candidatura dell’editore Florindo Rubbettino per il Pd, emersa al termine di un incontro con il segretario nazionale dem Nicola Zingaretti, incontra le forti resistenze dei cari circoli che stanno sostenendo invece la corsa del governatore uscente, Mario Oliverio. In una nota il comitato regionale dei circoli pro-Oliverio parla di ennesima «umiliazione dei territori e dei circoli del Pd calabrese. Non solo infatti sono rimaste inascoltate le richieste di confronto, le tante manifestazioni nate dal basso e la petizione per le primarie ma addirittura si punterebbe a candidare in nome e per conto di Loiero, novello rinnovatore del Pd calabrese, un imprenditore che si è candidato con una lista di centrodestra a Soveria Mannelli insieme all’ex assessore della Giunta Scopelliti ed ex coordinatore regionale della Lista Scopelliti Presidente Mario Caligiuri, in contrapposizione al locale circolo del Pd. La scelta di Bianconi in Umbria a confronto – proseguono – è una scelta di sinistra, quasi estrema. Se dovesse verificarsi una ipotesi di questo genere sarebbe uno scempio politico e culturale che non sarebbe digerito dalla base del Partito democratico.
Auspichiamo invece un incontro in Calabria con il segretario Zingaretti per affrontare al meglio, e secondo le regole democratiche interne, la preparazione per le prossime elezioni in Calabria».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto