Sanità, il ministro conferma: «Supereremo i commissariamenti»

Audizione di Roberto Speranza in commissione parlamentare: «La governance impostata ormai 10 anni fa ha dato risultati nel contenimento della spesa ma non nei livelli di assistenza». E annuncia un emendamento per i precari calabresi

ROMA Secondo round – dopo la prima audizione del 24 ottobre – davanti alle commissioni parlamentari Sanità e Affari Sociali per il ministro della Salute Roberto Speranza. Che di fronte agli organismi parlamentari riuniti in seduta congiunta ha parlato, tra le altre cose, anche dell’attuazione del decreto Calabria e di superamento degli attuali commissariamenti.
«Nell’ambito dei lavori sul nuovo Patto per la salute – ha detto Speranza in Commissione – stiamo promuovendo una rivisitazione dell’impianto della normativa sui Piani di rientro. La governance impostata ormai 10 anni fa ha prodotto risultati importanti sul versante del contenimento della spesa, altrettanto però non può sempre dirsi sul fronte di un’equa ed omogenea erogazione dei livelli minimi di assistenza su tutto il territorio nazionale. È per questo che stiamo lavorando per ammodernare la normativa privilegiando le azioni di affiancamento e di intervento selettivo, in accordo con le Regioni, per colmare le lacune oggi esistenti che segnano un divario non solo Nord-Sud, ma anche tra diversi territori all’interno delle singole Regioni».
In merito all’attuazione del decreto Calabria, il ministro ha chiarito che «la struttura commissariale sta concludendo le nomine dei vertici delle Asp regionali». Intanto, ha aggiunto Speranza, «l’unità di crisi speciale che ho reso immediatamente operativa, sta effettuando visite approfondite sull’attuale stato delle Aziende. Entro dicembre verranno fornite ai commissari aziendali tutte quelle informazioni necessarie per dar vita ai nuovi atti aziendali. Occorre poi un superamento delle intollerabili situazioni di precarietà esistenti. Il mio impegno sarà quello di approvare soluzioni normative entro questo iter di bilancio».
Il ministro, in proposito, ha spiegato in un forum che si è tenuto nella sede dell’Ansa giovedì: «Sto lavorando ad un emendamento da portare in manovra di bilancio contro la precarietà del personale nel sistema sanitario, a partire dalle situazioni più urgenti, penso alla Calabria. La precarietà – ha detto – non mi piace mai, ma in sanità è intollerabile».
OLIVERIO: «MI AUGURO CHE L’EMENDAMENTO SIA APPROVATO» «Condivido quanto affermato dal Ministro Speranza sulla necessità di dare soluzione al lavoro precario nella sanità, ed in particolare in quella calabrese». Lo afferma, in una dichiarazione, il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio. «Mi auguro che l’apprezzabile impegno del Ministro a proporre in tal senso un emendamento alla legge di bilancio, in questi giorni all’esame del Parlamento – prosegue Oliverio – possa andare a buon fine per essere approvato e consentire finalmente la stabilizzazione del lavoro precario e lo sblocco delle assunzioni nella sanità calabrese, da anni penalizzata dal blocco del turnover che ha prodotto una grave carenza di personale medico e sanitario».
GRECO: «MINISTRO APRE UNA FASE NUOVA» All’annuncio di Roberto Speranza si aggiunge il plauso di Pino Greco, segretario regionale di Articolo Uno: «L’annuncio di Roberto Speranza riguardo la presentazione dell’emendamento antiprecarietà nella Sanità a partire dalla Calabria, da inserire nella legge di bilancio, conferma la grande attenzione nei confronti della nostra regione. Dopo l’abolizione del superticket, questo è il secondo fatto concreto che si realizza da quando Speranza è Ministro della Salute. Finalmente una fase nuova si è aperta. A nome del gruppo dirigente di Art1 e di tutti i calabresi che amano la propria terra e la vogliono vedere progredire, mi permetto di invitare il Ministro Speranza in Calabria per rendere evidente e comunicare questi primi importanti provvedimenti per la nostra Regione. In Calabria servono fatti e non propaganda, come più volte asserito dal nostro Ministro Roberto Speranza».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto