Cento circoli Pd: «Callipo divisivo, chiediamo le primarie»

Documento di segretari e coordinatori che esprimono dissenso per la scelta del partito di sostenere l’imprenditore: «È da sempre impegnato nella destra»

CATANZARO «Siamo esterrefatti per il sostegno annunciato dal segretario Zingaretti alla candidatura di Callipo». Lo scrivono, in un documento, 100 circoli del Pd, che sostengono di «non comprendere nel merito e nel metodo» la scelta di Callipo. «Callipo infatti – dicono i 100 circoli democrat firmatari del documento – è da sempre impegnato nel campo della destra, dalla fondazione di Alleanza nazionale fino al sostegno alla commissaria di Fratelli d’Italia Wanda Ferro alle ultime elezioni regionali. Molti inoltre hanno dimenticato il sostegno attivo del noto imprenditore del tonno alle ultime elezioni politiche verso la stessa Ferro e Giuseppe Mangialavori nel collegio di Vibo Valentia. Possiamo davvero pensare di fermare la destra sovranista sostenendo un candidato di destra più moderata nei toni ma altrettanto oscurantista e retrograda sui temi dei diritti civili, sociali e politici?».
I 100 circoli del Pd firmatari del documento proseguono: «Comprendiamo l’invito del Segretario nazionale a ricercare l’unità di tutte le forze alternative alla Lega, per questo dobbiamo esperire seriamente questo tentativo che può maturare solo con il ricorso alle primarie di coalizione. Facciamole per unire dato che Callipo ancora una volta sta provando a dividere il centrosinistra dopo averlo già fatto in passato nel 2010. È lui infatti l’uomo divisivo per antonomasia, come tutti i calabresi ricordano. L’alternativa sarebbe una divisione delle forze tra il Pd che sosterrà l’unico suo iscritto che è in campo ovvero Mario Oliverio e gli altri che invece sosterranno il candidato riciclato».
«La proposta dei 100 circoli del Pd – conclude il documento – «è quella di unire intanto la coalizione di centrosinistra e di affidare la selezione del candidato presidente alle elezioni primarie. Se Callipo dovesse essere la proposta di forze che si richiamano al campo democratico e progressista, si abbia almeno la disponibilità a sottoporsi alle primarie intese come strumento per unire tutte le forze a sostegno di un unico candidato». Al documento seguono le firme dei segretari e coordinatori dei 100 circoli calabresi.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto