REGIONALI | Nessun candidato con Callipo per la piattaforma Berlinguer

Dopo la consultazione online che aveva bocciato l’amministrazione uscente, i portavoce fanno sapere che «dopo la decisione di ammettere nella coalizione gli uomini di Oliverio, candidarci con loro sarebbe stato un controsenso»

POLISTENA Nel momento in cui il segretario nazionale del Pd Zingaretti ha accettato di ammettere nella coalizione di Pippo Callipo gli uomini di un Mario Oliverio in ritirata, abbiamo capito che sarebbe stato difficile dare seguito al mandato ricevuto dalla consultazione on-line degli iscritti della piattaforma Berlinguer, i quali scegliendo Callipo avevano sonoramente bocciato la fallimentare esperienza del governatore uscente.
Per questo motivo pur riconoscendo nella figura di Pippo Callipo persona onesta e perbene, non parteciperemo alle elezioni regionali con nostri candidati, viceversa continueremo a batterci contro le destre predatrici del Sud e per un autentico rinnovamento della classe politica che, a questo punto, nemmeno questa tornata elettorale potrà assicurare alla Calabria.
Pippo Callipo ha certamente compiuto un’azione non comune, quella di lasciar fuori dalle proprie liste personaggi discutibili, coraggio che nessuno degli altri candidati presidenti in campo (Santelli, Aiello, Tansi) ha esplicitato.
Siamo distanti dalle istanze di profondo rinnovamento che pure avevamo auspicato, insieme alla questione morale di berlingueriana memoria, mettendolo al primo punto programmatico dei dieci elaborati. Tanto è vero che tra i candidati c’è chi dietro il cosiddetto “civismo” nasconde evidenti interessi personali e, fingendo di essere libero, cerca di recuperare prebende e posti di potere perduti.
Sino a quando, come ben detto dal procuratore Gratteri, i cittadini onesti non riusciranno a fare politica liberamente e, lontano da lobby e potentati, non cercheranno di occupare quegli spazi “liberati”, la Calabria sarà destinata ad essere terra di conquista di una mediocre, ipocrita, o peggio ancora, importata, classe dirigente.
Proseguiremo pertanto il nostro lavoro ed il nostro impegno con onestà al servizio del popolo calabrese, stando con umiltà in mezzo alla strada, dentro ai conflitti sociali e sui territori, cercando di rigenerare un tessuto civile ancora troppo molle e non immune alle logiche clientelari del passato. La piattaforma Berlinguer cercherà di strutturarsi aprendo e occupando a sinistra spazi di partecipazione attraverso il radicamento dell’associazione in tutta la Calabria e pure al di fuori dei confini regionali. Lo faremo con pazienza, speranza ed entusiasmo, per scardinare il sistema innanzitutto partendo dal coinvolgimento delle giovani generazioni, dai movimenti e da tutto ciò che di nuovo ruota attorno alla società italiana in fermento, a partire dal movimento delle Sardine e dalle sinistre di opposizione al Governo, con cui é necessario dialogare nel nome dell’antifascismo e della Costituzione per sbarrare la strada alle destre ed al salvinismo ed esercitare da sinistra una proposta alternativa e innovativa, giovane e credibile.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto