La candidata esclusa dal M5S chiede spiegazioni. «Scelta umiliante e diffamatoria»

Rosella Cerra scrive ai vertici del Movimento. «Io cancellata dalle liste delle Regionali senza motivo»

m5s bandiera fg

LAMEZIA TERME Era la candidata più votata delle regionarie del Movimento Cinquestelle ma nella lista delle Regionali non c’è. Rosella Cerra lo ha appreso dalla stampa online e cartacea, senza che vi fosse alcuna comunicazione da parte del M5S. Oggi, in una lettera inviata Luigi Di Maio, Beppe Grillo, Danilo Toninelli e la Casaleggio associati chiede almeno che qualcuno le spieghi il motivo dell’esclusione. Cerra chiede «un chiarimento formale in merito a quanto è accaduto, visto e considerato che tale scelta oltre che poco rispettosa per gli attivisti tutti, risulta umiliante per la mia persona e socialmente diffamatoria».
La diffamazione sarebbe «larvata», visto che molti, «credendo nella lealtà del movimento, si autoconvincono che determinate scelte derivano da un ragionevole motivo, di gravità tale da poter giustificare la scelta». L’attivista crede che la sua storia possa raccontare la «perdita di quei valori di democrazia diretta su cui il Movimento 5 stelle dovrebbe appigliarsi per mantenere la propria identità» e dubita «della liceità dell’esclusione».

Poi riepiloga il suo impegno degli ultimi anni, impegno che l’ha portata a essere candidata «nel 2015, in occasione delle amministrative nella città di Lamezia Terme» e poi come candidata supplente al Senato per la Calabria nelle Politiche del 2018. Anche in quel caso, per Cerra, «si palesava un evento discriminatorio: su 4 supplenti, 2 sono stati inseriti negli uninominali e 1 nel plurinominale, l’unica esclusa sono stata io a vantaggio della signora Vono, sconosciuta all’elettorato pentastellato fino a quel momento. Candidatura della quale ancora oggi nessuno si è voluto assumere la responsabilità». Vono, tra l’altro, nei mesi scorsi ha lasciato il Movimento per aderire a Italia Viva. Anche nel 2019, «in occasione del rinnovo del Parlamento Europeo», alle europarlamentare Rosella Cerra è stata candidata «sulla piattaforma Rousseau risultando tra i primi per numero di voti e quindi messa in riserva». In ragione di ciò vuole chiarimenti sulla propria esclusione, «tenuto presente che tale candidatura nasce dal volere dello stesso movimento, e la successiva accettazione dalla volontà di poter contribuire personalmente alla crescita del mio territorio».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto