Emergenza idrica a Vibo, Limardo: «Chiederemo incontro urgente a Sorical»

Il primo cittadino vibonese punta i piedi contro i guasti e le carenze delle perdite degli impianti gestiti da Sorical. «Vogliamo comprendere su quali linee vorranno muoversi al fine di migliorare il loro servizio ed eliminare questi disagi»

VIBO VALENTIA «L’amministrazione comunale di Vibo Valentia non ci sta più. Le carenze che ciclicamente siamo costretti a subire, sono dovute a problemi sulla rete di adduzione che evidentemente necessita di importanti investimenti da parte del soggetto gestore cioè dalla Sorical. Addirittura due interruzioni di servizio in meno di 24 ore, causate da altrettante rotture». Così Maria Limardo, sindaco di Vibo che dai suoi canali social lancia l’allarme e punta i piedi affinché venga la più presto risolta l’emergenza idrica: «Dobbiamo inoltre constatare che ancora una volta la comunicazione dei problemi avviene con rilevante ritardo, tale da scompensare tutta la nostra rete di distribuzione. Tutto ciò causa, ormai troppo spesso, un’interruzione del servizio e dunque enormi disagi ai nostri cittadini e alle attività produttive.
Ancora una volta in pochi mesi – continua – l’amministrazione è stata costretta ad emettere ordinanza di chiusura delle scuole in modo estemporaneo, essendo venuta a conoscenza dell’interruzione totale nelle prime ore del mattino, con grave disagio per studenti e famiglie. Questo avviene nonostante il Comune di Vibo Valentia per essere in regola con i pagamenti alla Sorical, dopo anni di morosità, faccia grandi sacrifici. Ecco perché, chiederemo un incontro urgente ai vertici Sorical, per comprendere su quali linee vorranno muoversi al fine di migliorare il loro servizio ed eliminare dunque i disagi a cui in nostri cittadini, ormai ciclicamente, sono sottoposti. Comunicheremo tempestivamente ogni notizia da parte della Sorical in merito alla riparazione della seconda perdita.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto