Giunta, parla la Santelli: «L’interesse della Calabria sarà il primo criterio di scelta»

La neo governatrice in riferimento al nostro servizio: «Aspetto la proclamazione, perché la forma è sostanza soprattutto in questa terra. Tecnici? Se ci saranno li scelgo solo ed esclusivamente io»

CATANZARO «Il primo criterio di scelta per me sarà l’interesse della Calabria». Così la neo presidente della Regione Jole Santelli, parlando con il Corriere della Calabria. La Santelli ha inteso fare alcune precisazioni in merito all’odierno servizio della nostra testata (leggi qui), spiegando anche come intende muoversi in questa fase che precede la formazione della Giunta regionale e confermando che la discussione politica inizierà dopo la proclamazione degli eletti. In primo luogo, la Santelli ha puntualizzato in riferimento al termine “entourage”: «Sono abituata a parlare direttamente con i giornalisti, chiunque parla a mio nome millanta». Quindi, ha aggiunto: «Leggo che ci sono persone che dicono che possono esserci sorprese elettorali: io non ci credo, ma – ha rilevato la Santelli – poiché ho molto rispetto delle forme penso che sia giusto parlare con le forze politiche dopo la proclamazione degli eletti, perché si fa così, per rispetto delle istituzioni. In generale la forma è sostanza, e in una terra come la Calabria ancora di più. Inoltre – ha poi specificato la presidente della Regione al Corriere della Calabria – non so ancora se ci saranno dei tecnici nella Giunta: se ci saranno, saranno scelti esclusivamente da me e la loro scelta sarà giustificata nei confronti dei calabresi in relazione a specifici settori, ma ancora questo non è detto. Certo non me lo suggerirà nessuno, perché la faccia è la mia e ne risponderò io ai calabresi». «Ho già più volte esposto a tutti i criteri di scelta e ho spiegato che nei criteri di scelta prima dovrà venire l’interesse della Calabria», ha quindi concluso la Santelli. (a.cant.)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto