Tariffe rifiuti, il Pd: presenteremo un ordine del giorno in Aula

REGGIO CALABRIA “In occasione della seduta del prossimo Consiglio regionale di martedì 3 giugno, presenteremo un odg in merito alla questione della triplicazione delle tariffe sui rifiuti urbani”. Lo affermano,…

REGGIO CALABRIA “In occasione della seduta del prossimo Consiglio regionale di martedì 3 giugno, presenteremo un odg in merito alla questione della triplicazione delle tariffe sui rifiuti urbani”. Lo affermano, in una nota, i consiglieri regionali del Pd Nino De Gaetano e Carlo Guccione. “L’aumento esponenziale delle tariffe – proseguono – testimonia, qualora ce ne fosse ancora bisogno, il totale fallimento della politica regionale sui rifiuti da parte della Giunta regionale di centro-destra. La comunicazione inviata dal Dipartimento regionale Ambiente ai Comuni della Calabria qualche giorno addietro, nello specifico, indicava come la tariffa per il conferimento di rifiuti urbani indifferenziato sia gia’ passata, dal 1 maggio, da 91,84 euro/t a 176, 25 euro/t, mentre la tariffa per il conferimento della frazione umida e’ passata da 34,65 euro/t a 105,26 euro/t. Questo aumento e’, ancora una volta, figlio dell’emergenza continua e figlio della mancanza di programmazione nell’affrontare il problema dei rifiuti in Calabria. Una vera politica sui rifiuti richiederebbe tutt’altro approccio rispetto all’adottare solo provvedimenti emergenziali. Questo provvedimento, tra l’altro, non andrà minimamente a risolvere i drammatici problemi che si profilano all’orizzonte in queste ore, cioè l’ennesima drammatica crisi della raccolta nella nostra Regione, proprio a ridosso della stagione estiva. Le conseguenze per la salute dei cittadini, per l’immagine Calabria ed i danni ad un’economia che vede nel turismo un punto di eccellenza, potrebbero risultare incalcolabili. Oltre il danno e’ in arrivo anche la beffa per i cittadini calabresi che, non c’e’ a questo punto piu’ alcun dubbio, si troveranno a pagare il salato prezzo dell’aumento delle tariffe. In un momento di drammatica crisi, che vede il nostro territorio fra i piu’ devastati dalla crisi economica e sociale, l’aumento di queste tariffe inciderà pesantemente sulle tasche delle famiglie calabresi. I Comuni, inoltre, si troveranno a dover gestire una situazione di assoluta emergenza causata, è bene ribadirlo, dalla mancanza di programmazione e gestione da parte della Giunta regionale uscente. Una carenza di indirizzo politico francamente inaccettabile, visto che la stessa L.R. 12 aprile 2013, n. 18 demanda espressamente alla Giunta regionale, e non ad un decreto dirigenziale, la competenza a rimodulare le tariffe, in aumento o in diminuzione, in materia di rifiuti. Vista l’assoluta inerzia della Giunta regionale di centrodestra nell’affrontare la questione rifiuti in Calabria e di gestire un’emergenza causata della stessa incapacità di mettere in atto una reale politica che possa, ad esempio, mettere i Comuni nelle condizioni di aumentare la raccolta differenziata, l’unica soluzione affinché non si vada incontro al definitivo collasso del comparto rifiuti, è che il problema passi in mano alla cabina di regia di recente nomina da parte del Primo Ministro Matteo Renzi”. “A questo punto – concludono De Gaetano e Guccione – e’ palese come solo un decisivo intervento da parte del coordinamento per la Calabria appena creato possa agire in via prioritaria e sopperire alla totale incapacita’ politica ed amministrativa che, sul problema rifiuti come in molti altri settori, ha dimostrato l’Amministrazione regionale”. (0090)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto