Il giorno del ballottaggio rendese tra Verre e Manna

RENDE Una domenica di sole e di urne. Oggi i rendesi sono chiamati – unici in tutta la regione – a  scegliere il loro sindaco al ballottaggio: dopo due settimane…

RENDE Una domenica di sole e di urne. Oggi i rendesi sono chiamati – unici in tutta la regione – a  scegliere il loro sindaco al ballottaggio: dopo due settimane aggiuntive di campagna elettorale dai toni non sempre pacati, nelle prossime ore si saprà finalmente chi l’avrà spuntata fra il candidato del centrosinistra, il chirurgo Pasquale Verre (37,8% al primo turno), e il penalista  Marcello Manna (31,1% il 25 maggio), sostenuto da variazioni “locali” di partiti di centrodestra (da Rcd a Forza Rende) e da alcune civiche. Si tratta di una sfida ancora aperta nella quale risulterà decisivo – oltre al clima estivo che avrà invogliato più d’un rendese alla classica gita fuori porta in questa penultima domenica di primavera – l’orientamento dell’elettorato alquanto variegato e pulviscolare che al primo turno ha optato per gli altri aspiranti primi cittadini in corsa: da Massimiliano De Rose (13,8%) al grillino Domenico Miceli, neoconsigliere comunale con il suo 9,7% dei voti, da Andrea Cuzzocrea di Centro Democratico (5,3%) e Luca Pizzini de L’Italia del Meridione (2,2%). Si vota fino alle 23, a mezzogiorno l’affluenza aveva di poco superato il 15% ma nel pomeriggio è fisiologico un aumento nella percentuale di votanti: alle 19 era salita al 35 e a urne chiuse superava il 51%.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto