M5S: «La Regione rinuncia a 32 milioni, intervenga il governo»

«Deve intervenire il governo sull’assestamento di bilancio della Regione Calabria, che ha rifiutato di recuperare 32 milioni di euro da imprenditori amici». Lo dichiarano, a proposito di somme non restituite…

«Deve intervenire il governo sull’assestamento di bilancio della Regione Calabria, che ha rifiutato di recuperare 32 milioni di euro da imprenditori amici». Lo dichiarano, a proposito di somme non restituite da beneficiari di finanziamenti ottenuti senza i criteri previsti, i parlamentari M5S Dalila Nesci, Nicola Morra, Paolo Parentela e Federica Dieni, che aggiungono: «Il presidente della commissione speciale di Vigilanza del Consiglio regionale, Aurelio Chizzoniti, non ha votato l’assestamento, il che è indicativo per il governo nazionale, al di là della dialettica politica. È gravissimo che la Regione abbia rinunciato a ricuperare tutti quei soldi, che imprenditori come Umberto De Rose devono invece restituire. A un passo dal dissesto finanziario, la Regione sta favorendo chi ha incassato lauti contributi senza assumere i lavoratori pattuiti. La magistratura non può permetterlo». Proseguono i parlamentari Cinque Stelle: «La Regione di Scopelliti, ora guidata dalla vicepresidente Stasi, imposta e non eletta dai cittadini, sta mantenendo un sistema di potere che non persegue il bene comune e che, stando al disastro dei conti rilevato dalla Ragioneria dello Stato, ha replicato il “modello Reggio” a Catanzaro». Concludono Nesci, Morra, Parentela e Dieni: «Il quadro è chiarissimo. Bisogna tornare subito al voto per impedire che le pedine di Scopelliti facciano ulteriori danni, anche irrimediabili». (0070)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto