IN EDICOLA | Il Tavolo Massicci: troppi medici in corsia

COSENZA «Si fa presente che i ministeri, nel corso della riunione di affiancamento, hanno precisato che le richieste relative al personale medico devono tener conto del minutaggio assistenziale applicato alla…

COSENZA «Si fa presente che i ministeri, nel corso della riunione di affiancamento, hanno precisato che le richieste relative al personale medico devono tener conto del minutaggio assistenziale applicato alla singola disciplina ospedaliera. Per cui, rifacendo i calcoli, emergono alcune criticità rispetto alle richieste avanzate da codesta Azienda che si prega di esaminare fornendo gli opportuni chiarimenti». La risposta arrivata dal Tavolo Massicci alle richieste di sblocco del turn over è preoccupante. I ministeri dell’Economia e della Sanità hanno rifatto i conti nelle corsie degli ospedali calabresi. È emerso un dato apparentemente contrario alle esperienze degli utenti (e alle domande partite da Asp e Azienda ospedaliere): nelle strutture sanitarie ci sarebbe diverse centinaia di medici in più. Lo raccontano le tabelle spedite al dipartimento Tutela della Salute, che le ha girate via email ai manager della sanità calabrese. Anche a Cosenza, dove il sindaco ha “ordinato” al dg dell’Azienda ospedaliera Paolo Maria Gangemi di assumere sette medici, i dati compilati a Roma mostrano un surplus di 140 medici. Un numero enorme, che, comunque, occorrerà spiegare. Altrimenti si potrà dire addio al sospirato sblocco del turn over. (0020)

 

(Il servizio “Sblocco addio”, di Pablo Petrasso, è sul numero 159 del Corriere della Calabria, in edicola fino al 17 luglio)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto