Linea jonica, la Regione punta sulla metropolitana di superficie

CATANZARO «La realizzazione di una metropolitana di superficie a servizio dei comuni disposti lungo la linea ferrata jonica esistente, costituisce uno dei più importanti progetti infrastrutturali che, su impulso della…

CATANZARO «La realizzazione di una metropolitana di superficie a servizio dei comuni disposti lungo la linea ferrata jonica esistente, costituisce uno dei più importanti progetti infrastrutturali che, su impulso della Giunta regionale, troverà realizzazione nei prossimi anni». Lo ha affermato la presidente facente funzione della Regione, Antonella Stasi.
«Questo governo regionale, e già prima il presidente Scopelliti, ne ha riconosciuto l’importanza – ha aggiunto – e l’indispensabilità per rilanciare un’area della Calabria penalizzata per troppo tempo da carenze infrastrutturali. Così come convenuto nella riunione di Giunta regionale che ha portato all’approvazione della nuova programmazione comunitaria, a seguito di una discussione avviata da tempo con i sindaci e i consiglieri regionali dell’area jonica, è stato deciso di procedere a inserire nel documento Programma operativo regionale 2014-2020, la realizzazione di una “connessione delle conurbazioni dell’area territoriale Sibari-Crotone con la direttrice ferroviaria jonica”. Un progetto escluso dalla programmazione 2007/2013, oggi fortemente voluto da questo governo regionale, sarà finanziato con fondi della nuova programmazione comunitaria 2014/2020, asse VII. Il progetto dovrà riguardare il miglioramento del collegamento ferroviario che collega Sibari a Crotone-Aeroporto Sant’Anna (117 km di infrastruttura ferroviaria), compresa la realizzazione delle connessioni intermodali a servizio dell’aeroporto (collegamento tra stazione di Cutro e aerostazione Sant’Anna), la realizzazione di nuove stazioni e fermate, rifunzionalizzazione e adeguamento tecnologico delle principali stazioni per espletare i servizi di trasporti regionali, in particolare sui nodi della rete ferroviaria regionale collocati nei principali centri urbani e turistici. Il progetto dovrà essere integrato con la realizzazione dell’elettrificazione di questa tratta, già finanziata ed in corso di esecuzione».
«Un segno di attenzione – ha detto ancora la Stasi – che la giunta Scopelliti ha dato particolarmente a tutta la linea ferrata jonica, da Sibari a Mileto (dovrebbe trattarsi di Melito, data la posizione tirrenica di Mileto ndr), finanziando con 80 milioni di euro la sua elettrificazione. Tale intervento inserito nel Cis (Contratto istituzionale di sviluppo) il cui progetto è stato completato da Rfi proprio il mese scorso, sarà integrato con le indicazioni provenienti dalla nuova programmazione. I punti cardine dell’intervento saranno: integrazione e complementarità tra gomma e rotaia, il prolungamento dei servizi a supporto delle attività turistiche, la realizzazione di un sistema intermodale di trasporto per favorire l’ interazione tra Porto di Corigliano e Porto di Crotone e questi con l’Aeroporto Sant’Anna e captare volumi di traffico coerenti con l’offerta, promuovendo un orientamento al trasporto aereo/ferrato tra passeggeri e utenza commerciale. Inoltre, riteniamo che il progetto sarà valutato compatibile con i fondi europei: l’attivazione di una metropolitana leggera di superficie rappresenta un intervento assolutamente in linea con le indicazioni di mobilità sostenibile e di interscambio multimodale, di sicurezza, di riduzione di traffico generalizzata, di riduzione degli inquinamenti e degli impatti ambientali, che l’Unione Europea ha definito come “strategica”».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto