La Grecia chiude i confini e Sofo propone il sud Italia come meta turistica

L’eurodeputato leghista scavalca le polemiche dopo la decisione assunta dagli ellenici. ««Piuttosto che lamentarci, dovremmo attrezzarci per offrire ai nostri italiani che sognavano le bellezze greche un’alternativa altrettanto valida che abbiamo in casa»

ROMA L’eurodeputato leghista Vincenzo Sofo è intervenuto nella polemica politica scatenata dalla decisione della Grecia di disincentivare gli arrivi degli italiani nella penisola ellenica. «La Grecia ci sta facendo un favore perché non sta disincentivando i greci a venire da noi bensì il contrario. E siccome i flussi di persone che si spostano dall’Italia alla penisola ellenica sono flussi turistici, invece che incazzarci dovremmo ringraziarli perché – in un momento in cui la creazione dei corridoi turistici rischia di sottrarci turismo internazionale facendoci perdere decine di miliardi di euro – grazie a decisioni come quella della Grecia possiamo compensare trattenendo nel nostro paese i turisti italiani». Sofo ha così lanciato una proposta per sfruttare la situazione a vantaggio delle regioni del Sud Italia: «Piuttosto che lamentarci, dovremmo attrezzarci per offrire ai nostri italiani che sognavano le bellezze greche un’alternativa altrettanto valida che abbiamo in casa: la nostra Grecia, la Magna Grecia. Attrezziamo il nostro Sud, potenziamone i controlli sanitari e i collegamenti, aiutiamo hotel, bar, ristoranti, lidi, musei a mettersi in condizione di accogliere in sicurezza. E proponiamo agli italiani la scoperta di un patrimonio storico e culturale eccezionale».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto