Legge sull’omotransfobia, Bossio: «Affermare il diritto di amare»

La parlamentare calabrese del Pd: «Difendiamo questa legge. Facciamolo per le vittime quotidiane della violenza sessista e per i nostri giovani»

«Dietro gli attacchi alla proposta di legge sull’omotransfobia si nascondono retaggi irrazionali e profonde incrostazioni liberticida. In un Paese che ha finalmente varato le Unioni civili e che abbraccia con coraggio la stagione dei diritti, difendere l’identità di genere e riconoscere il valore della diversità contro discriminazioni, violenze e subdole emarginazioni dovrebbe essere un atto coerente e anzi conseguente. Ecco perché ho sottoscritto anch’io, insieme a tante e tanti parlamentari, questa proposta normativa». Ad affermarlo è la parlamentare del Pd, Enza Bruno Bossio, che aggiunge: «Ecco perché risultano insopportabili gli attacchi al primo firmatario della legge Alessandro Zan portati avanti da un anomalo fronte unico che vede insieme destre e mondo pro life, femministe radicali e ultraconservatori». «Difendiamo questa legge – conclude la deputata – facciamolo per le vittime quotidiane della violenza sessista, per i nostri giovani che hanno il diritto di vivere in un mondo in cui ognuno possa essere libero di amare».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto