Decreto rilancio, Scutellà: «Chiesto fondo per operatori della giustizia»

La deputata del Movimento 5 stelle spiega l’emendamento alla misura che riserva 20 milioni per il pagamento di tutte le corresponsioni maturate nel settore giudiziario

CATANZARO «Decreto Rilancio: ancora una misura per sostenere il mondo delle professioni. Il provvedimento, infatti, prevede anche un emendamento che istituisce un fondo straordinario per il pagamento di tutte le corresponsioni maturate da quanti operano nel mondo della Giustizia. Il fondo ha un valore di 20 milioni di euro». Lo afferma la deputata del Movimento 5 Stelle Elisa Scutellà, «cofirmataria – é detto in un comunicato – dell’importante emendamento al Decreto Rilancio».
«Con il Movimento Cinque Stelle e grazie alla sensibilità del Governo – afferma Scutellà – siamo riusciti a dare risposte ad avvocati, periti e ausiliari dei giudici che sono andati in difficoltà per il mancato pagamento delle prestazioni professionali. Soprattutto in periodo di Covid19 migliaia e migliaia di professionisti del diritto non hanno incassato alcun credito e sono entrati conseguentemente in difficoltà. Così abbiamo chiesto e ottenuto un incremento importante, 20 milioni di euro, del fondo per i compensi maturati da avvocati, periti e ausiliari dei giudici negli anni pregressi. Sono particolarmente soddisfatta per questa ulteriore dotazione finanziaria del fondo che aiuterà tanti professionisti del diritto, tra cui sicuramente molti giovani».
«L’intervento – conclude la deputata M5s – è stato sostenuto da tutti i parlamentari della commissione Giustizia e ha accolto il grido di dolore dei professionisti e dei lavoratori della giustizia».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto