Parlamentari del M5S: «Decreto Agosto fatto di portata storica»

Melicchio, Orrico, Ferrara, Scutellà, Tucci, Misiti e Auddino: «È il primo passo per far ripartire il Sud e ricucire l’Italia»

CATANZARO «Con il Decreto Agosto questo Governo ha compiuto un intervento di portata storica per il Sud
Italia: un taglio deciso ai contributi previdenziali di tutti i lavoratori del Mezzogiorno, un primo passo per ricucire l’Italia, per far ripartire il tessuto imprenditoriale della Calabria e di tutto il meridione e per il rilancio dell’economia anche attraverso l’occupazione». È quanto affermano, in una nota congiunta, i parlamentari calabresi del M5S Alessandro Melicchio, Anna Laura Orrico, Laura Ferrara, Elisa Scutellà, Riccardo Tucci, Massimo Misiti e Giuseppe Fabio Auddino «in merito alla riduzione del carico contributivo del 30% per tutti i lavoratori».
«Una fiscalità agevolata per le regioni meridionali, – sostengono i parlamentari – uno strumento che diventerà strutturale. È stato posto un primo tassello per i nostri territori nel quadro più ampio delle politiche dei prossimi mesi. È fondamentale che il Mezzogiorno abbia finalmente trovato spazio nelle politiche pubbliche, perché il nostro Paese può ripartire solo con un Sud più competitivo e accogliente per chi vuole fare impresa. E così le risorse del Recovery Fund, del Piano straordinario per il Sud e del Fondo di Coesione, rappresentano un’occasione storica per ridurre il gap tra le regioni del Nord e del Sud Italia. Le aziende, anche quelle calabresi, a partire dal primo ottobre, dunque, potranno effettuare nuove assunzioni o stabilizzare un precario, godendo di un taglio dei contributi del 30%, di cui si farà carico lo Stato».
«L’emergenza sanitaria – sottolineano i parlamentari del M5s – ha aggravato la situazione di disuguaglianza socio-economica tra il Sud ed il resto del Paese e questo intervento, che punta a ridurre il deficit di produttività delle nostre aree, può dare un forte impulso per contrastare la disgregazione dei nostri territori. Se cresce il meridione cresce l’Italia intera e per questo bisogna continuare a investire al Sud. Questa è la strada giusta, politiche del lavoro concrete, investimenti mirati e strutturali in sanità, collegamenti infrastrutturali attesi da decenni, solo così si proietta la Calabria in Europa. La questione meridionale è ancora oggi drammaticamente attuale, soprattutto in relazione ai tassi di disoccupazione e solo con questo Governo si stanno ponendo le basi per uno sviluppo e una ripresa territorialmente equa del nostro Paese».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto