Tunnel nello Stretto di Messina, per gli esperti «è un’ipotesi poco percorribile»

Il presidente del Consiglio nazionale degli ingegneri Armando Zambrano: «Ci sono problemi irrisolvibili. Ma il ponte avrebbe un’iconicità molto forte anche nel rilanciare l’ingegneria italiana»

REGGIO CALABRIA «Le motivazioni per cui l’ipotesi di un tunnel fu a suo tempo, 20 anni fa, accantonata rispetto al ponte, ovvero la zona altamente sismica e il problema delle correnti marine molto forti, restano tutt’oggi». Lo spiega il presidente del Consiglio nazionale degli ingegneri Armando Zambrano interpellato dall’ANSA sull’ipotesi di un tunnel nello Stretto di Messina. «Inoltre le difficoltà di questo tunnel sono enormemente diverse da altre situazioni come la Manica. L’opera sarebbe infatti molto più complessa perché bisogna scendere a profondità maggiori» spiega Zambrano, puntualizzando che «se il tunnel fosse interrato ci sarebbe anche il problema della zona sismica; mentre se fosse sospeso, avrebbe bisogno di tiranti molto resistenti per le forti correnti dello Stretto».

«Questi problemi rimangono. Non sono irrisolvibili, ma bisogna verificare se il rapporto costi/sicurezza è praticabile oggi – spiega Zambrano – e seppur meno impattante dal punto di vista ambientale, sembra un’ipotesi poco percorribile» osserva poi il presidente del Consiglio degli ingegneri, ricordando che invece il ponte è «realizzabile anche nell’immediato e avrebbe un’iconicità molto forte anche nel rilanciare l’ingegneria italiana».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto