Non più “oggetti misteriosi”: Faraone lancia i renziani in Calabria – VIDEO

A Catanzaro il capogruppo di Italia Viva al Senato inaugura la scuola di cultura politica del partito: «Stiamo crescendo, è incredibile la distonia tra sondaggi e realtà. Non all’abbraccio con Pd e M5S, non vogliamo morire grilli: puntiamo al dialogo con Calenda, + Europa e anche parte di Forza Italia»

CATANZARO Una scuola di cultura politica per mettere radici in Calabria, dove ancora i renziani sono un “oggetto misterioso” anche se stanno crescendo le adesioni. A inaugurarla, nel cuore di Catanzaro, è stato il capogruppo di Italia Viva al Senato, Davide Faraone, accompagnato dalla senatrice Silvia Vono. Il senso di una sfida, nelle parole del leader renziano, secondo il quale «Italia Viva sta crescendo sensibilmente un tutto il Paese. È incredibile la distonia che c’è tra i sondaggi che leggiamo sui giornali e quello che invece noi stiamo avvertendo in tutto il territorio italiano, con grandissime adesioni di cittadini e amministratori. Io – ha rilevato Faraone – sono convinto che le elezioni regionali e quelle amministrative, in Calabria siamo presenti a Reggio, dimostreranno che siamo una forza politica molto più forte di come veniamo rappresentati, e quando ci rappresentano piccoli è proprio perché ci temono. C’è uno spazio politico enorme, nel Mezzogiorno ancora di più: non vogliamo morire né sovranisti né populisti, Italia Viva è quella forza politica che ha deciso di occupare quello spazio. Poi naturalmente – ha spiegato il capogruppo di Iv al Senato – bisognerà relazionarsi con forze come Calenda, +Europa, anche parte di Forza Italia, con cui è possibile anche costruire una forza politica nuova, riformista, europeista, che manca in questo Paese. C’è un’Italia Viva che ambisce a crescere». Sul piano prettamente politico, Faraone ha ribadito la linea del “no” all’alleanza organica con Pd e M5S, ironizzando sull’abbraccio sempre più evidente dei dem ai pentastellati. «Solidarietà al Pd, solidarietà viva. Noi – ha proseguito il capogruppo di Italia Viva al Senato – abbiamo immaginato di costruire questa forza politica perché pensiamo che il governo Conte debba essere un’esperienza di governo temporanea, provvisoria, perché legata a una contingenza e anche a evitare il rischio che Salvini potesse governare con pieni poteri questo Paese. Sicuramente non vogliamo morire grillini. L’idea è costruire una forza politica riformista che occupa uno spazio che purtroppo in questo Paese rischia di diventare minoritario, perché nel centrodestra i moderati sono scomparsi, vittime di Meloni e Salvini, da questo lato il Pd ormai si è arroccato con il M5S su posizioni populiste. Tocca a noi occupare il resto di questo spazio politico che secondo me è maggioritario in questo Paese». Soddisfazione per lo start alla scuola di cultura politica dei renziani in Calabria, che sarà curata da Pasquale Barbieri e che è nata soprattutto grazie allo sforzo della Vono. « È una cosa a cui tenevo molto – ha sottolineato la senatrice – e quindi ho insistito affinché la sede fosse centrale. La politica manca da troppo tempo ed è necessario che Catanzaro e i catanzaresi abbiano la dignità che meritano». «Ripartire dagli investimenti», è poi la “ricetta” declinata dalla Vono per il futuro: «Abbiamo passato un periodo di grave crisi prima sanitaria e ora economica, bisogna adesso alzare la testa e non fare più assistenzialismo, investendo invece sulle risorse che sono anche i nostri giovani, che dobbiamo trattenere in Calabria». (c.ant.)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto