Pd, urne amare per Graziano: niente rielezione in Campania

Il commissario del Pd calabrese non riconquista il seggio nel nuovo Consiglio regionale targato De Luca. Cosa cambierà nel suo incarico dal Pollino allo Stretto?

CATANZARO Urne amare in Campania per il commissario del Pd calabrese, Stefano Graziano. Ricandidato al Consiglio regionale campano, Graziano, tra l’altro presidente uscente della Commissione regionale Sanità, è risultato il secondo più votato – oltre 17mila preferenze – nella lista del Pd nella circoscrizione di Caserta, superato con circa 3mila preferenze in più da Gennaro Oliviero (quasi omonimo dell’ex governatore della Calabria, che di Graziano non è certo un “amico”: è la legge del contrappasso?). Per sfortuna di Graziano, il secondo seggio al Pd non scatta su Caserta, e quindi per il commissario dem calabro niente rielezione nel Consiglio regionale targato ancora Vincenzo De Luca. Possibile comunque che per Graziano ci sia comunque il modo per ritornare in prima linea sulla scena politica campana. Intanto, in Calabria qualche maligno già sussurra: non essendo stato rieletto in Campania magari avrà più tempo per dedicarsi al Pd calabrese. Qualcun altro, ancora più maligno, in aggiunta si sta chiedendo: non è che così, però, il commissariamento è destinato a durare ancora un bel po’ e quindi addio congresso a breve-medio termine?





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto