L’assegno per i figli aggiunto al “Family Act”. «Sia faro per la Regione»

Discusso in Senato il nuovo innesto nel pacchetto di misure volute dal ministro Bonetti a sostegno delle famiglie già nel Decreto Rilancio. Magorno: «La Giunta calabrese può ora aprire una nuova stagione partendo da coloro che si trovano in condizioni di difficoltà»

ROMA «Dopo l’approvazione unanime alla Camera a luglio, oggi l’assegno unico e universale per tutti i figli viene incardinato al Senato. È un altro passo importante, che viviamo con fiducia perché possiamo presto consegnare alle famiglie uno strumento importante per guardare al futuro e costruirlo potendo contare su basi di certezza». A scriverlo è il ministro per le pari opportunità Elena Bonetti, che celebra la positiva discussione in Senato delle misure a sostegno delle famiglie, molte delle quali già recepite lo scorso mese di maggio. Decreto “Rilancio”.
Tra queste, solo per citarne alcune, l’estensione dei congedi parentali a 30 giorni, e illimitati fini a 16 anni se non retribuiti; il ripristino dei voucher babysitter raddoppiati a 1200 euro per tutti, a 2000 per operatori del servizio socio sanitario e alle forze dell’ordine utilizzabili per i centri estivi; il diritto al lavoro agile per i genitori con figli fino a 14 anni; l’attivazione e il finanziamento straordinario con 150 milioni per centri estivi e attività educative nel piano infanzia; i fondi per le scuole paritarie, che in molte parti del Paese assicurano il diritto all’educazione dai nidi fino all’adolescenza. In prima battuta non era però passata quella che il ministro aveva presentato come «la misura più importante», ovvero l’assegno per i figli. «Serviva riconoscere – aveva detto il ministro – che ogni misura di sostegno deve essere dimensionata sulle responsabilità familiari, per riconoscere la dignità che dobbiamo ai figli, ai bambini, ai giovani. Ma non demordo, tutto il governo lo sa. Ora più che mai il Paese ha bisogno di politiche familiari stabili, degne di questo nome e all’altezza dei bisogni degli italiani. A questo punto il Family Act si rende ancora più urgente ed è la prospettiva giusta». Un passo avanti essenziale, finalmente assolto nella discussione odierna.
«MISURE SIANO FARO PER LA REGIONE» Soddisfatto il senatore calabrese Ernesto Magorno, che commenta di buon grado la discussione fatta in Senato e rilancia l’assegno per il figli come strumento utile su cui imperniare le politiche sociali della Regione Calabria: «È una giornata importante, l’assegno universale per i figli è stato incardinato in Senato. È un risultato dello straordinario lavoro della Ministra Bonetti, una misura di sostegno concreto alle famiglie. È un modello faro per la nostra regione che deve mettere al centro della sua azione il sostegno ai nuclei familiari e verso le persone più deboli. Le misure messe in campo, come ad esempio al bonus “Vacanze in Calabria” non hanno sortito gli effetti sperati. La Giunta calabrese, partendo proprio da quelle risorse, deve aprire una nuova stagione riservando un’attenzione particolare verso coloro che si trovano in situazioni di maggiore difficoltà».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto