Tensioni alla tendopoli, Ferro annuncia un’interrogazione parlamentare

L’area dell’insediamento di San Ferdinando è stata dichiarata “zona rossa” scatenando la frustrazione dei residenti. La deputata Fdi: «Quella del Governo è un’accoglienza di facciata. Solidarietà alla polizia»

CATANZARO Una interrogazione parlamentare sulla sassaiola contro le forze dell’ordine scatenata all’interno della tendopoli di San Ferdinando, in Calabria, è stata annunciata dal deputato di Fratelli d’Italia Wanda Ferro. «La superficialità, l’approssimazione e l’incompetenza di questo governo si continuano a riversare sugli appartenenti alle forze dell’ordine, lasciati da soli ad affrontare gli effetti dell’immigrazione incontrollata. Un’accoglienza di facciata, che dietro le dichiarazioni di intenti intrise di ideologia si riduce nella realtà ad un problema di ordine pubblico, al quale si aggiunge un grave rischio sanitario. Quello avvenuto a San Ferdinando, nel campo dichiarato zona rossa per la numerosa presenza di migranti positivi al covid, è l’ennesimo episodio di rivolta contro le restrizioni anti-covid. A fare le spese della rabbia dei migranti sono ancora una volta gli uomini e le donne in divisa. Esprimiamo la nostra solidarietà agli agenti feriti, e non possiamo non inoltrare all’indirizzo del governo l’allarme del sindacato di Polizia Fsp, che ha ricordato come «ai cittadini viene chiesto di continuare a fare sacrifici pesantissimi per colpa del virus, ai poliziotti di continuare a rischiare la pelle per tutelare la salute pubblica, ma in certi posti tutto va a rotoli e l’emergenza sanitaria svela una volta di più le lacune di un sistema politico che chiacchiera tanto e fa pochissimo». «Chiediamo al governo che ha deciso di spalancare le porte ai migranti clandestini – conclude Wanda Ferro – quali misure sta attuando per tutelare la sicurezza delle forze dell’ordine e per evitare situazioni di tensione sui territori».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto